Prima squadra

Cessione società, le ultime notizie (importanti)

Sebastiani: "Tra un mese vendo"

21.01.2022 11:08

Si continua a parlare della cessione del Pescara, sempre di più anche se con dettagli ancora nebulosi. C'è il massimo riserbo sulle trattative in atto da parte del presidente Daniele Sebastiani, che secondo da quanto noi appurato dovrebbe restare come General Manager per un triennio dopo l'eventuale cessione ad un gruppo straniero. Il Centro oggi in edicola riporta le ultime dichiarazioni del presidente Daniele Sebastiani sulla questione, importanti per il timing annunciato del possibile closing. “I contatti proseguono ad oltranza”, ha detto Sebastiani al quotidiano abruzzese, “credo che per la conclusione servirà un altro mese. Non sto trattando con un fondo, ma con alcuni imprenditori stranieri che conoscerete quando la trattativa andrà a buon fine”.

La bomba sull'argomento, però, è quella lanciata da Pierluigi Vasile nella sua trasmissione “A Tutto Campo” su Rete8 ieri sera (giovedì 20 gennaio 2022). Nel programma si è parlato di vari incontri tra Sebastiani e i rappresentanti di un gruppo estero che ha sedi in Arabia Saudita, Svizzera e Inghilterra, già proprietario di 5 club calcistici in diverse Nazioni ma non in Italia. Nel corso della trasmissione si è parlato anche del 27 gennaio come data fissata per il possibile closing, circostanza smentita da Sebastiani a Il Centro. Tempi più lunghi. 

Negli ultimi mesi più imprenditori stranieri stanno investendo nel calcio italiano, attratti dalle possibilità di crescita del movimento nonostante il periodo pandemico. Ma le prospettive di sviluppo in Italia sarebbero importanti. E il caso del Delfino? Forse gli investitori stranieri sono attratti dal progetto di riqualificazione dello stadio, ma anche dalle prospettive prettamente sportive di una società che potrebbe essere rilanciata ai piani alti del calcio nazionale dopo l'amara retrocessione dello scorso anno. Si vedrà. 

Commenti

Alla scoperta della pescarese Gaia Realini, astro nascente del ciclismo
Amadou Diambo: tra permanenza e addio