Prima squadra

Gli sviluppi del mercato biancazzurro

In molti raggiungeranno Palena a ritiro iniziato

Redazione Ps24
13.07.2021 07:30

Un solo volto nuovo sarà presente oggi alle visite mediche del nuovo Delfino: Michael De Marchi, punta classe 1994 ex Cittadella, Carpi e Virtus Verona. E' lui infatti l'unico innesto ufficializzato finora dal club. I giocatori ormai da considerare virtualmente biancazzurri (Illanes - arriva a titolo definitivo con Seck a Firenze -  e Zappella, ad esempio), raggiungeranno a breve i nuovi compagni, una volta sistemati gli ultimi dettagli delle relative trattative. Quella che è iniziata ieri sarà con ogni probabilità la settimana di Julian Illanes al Pescara. Il difensore argentino entro la fine del prossimo week-end arriverà nel capoluogo dannunziano, si sottoporrà alle visite mediche e firmerà il contratto. L’operazione con la Fiorentina sarà chiusa a titolo definitivo, come del resto già anticipato da PS24 nelle scorse settimane.

Marco Pompetti, vicinissimo al ritorno a Pescara, nelle ultime ore è finito nel mirino del Foggia di Zeman (che punta anche l'ex Del Sole). I rossoneri stanno provando l'inserimento in extremis in grado di sparigliare le carte e far saltare un'operazione sulla quale fino a ieri c'erano pochissimi dubbi su una positiva chiusura. Ma l'operazione non salterà e Pompetti sarà biancazzurro: abbiamo conferme in tal senso. Sarebbe più adatto al 4-3-3 come quello propugnato da Zeman, ma la duttilità e la giovane età fanno confidare in casa Pescara che Pompetti possa  ritagliarsi un ruolo importante anche nel 3-4-3 di Auteri. Carlo De Risio torna d'attualità e potrebbe rimpinguare il reparto mediano che perderà almeno uno tra Memushaj e Valdifiori. Per la corsia destra, intanto, Matteassi pensa anche allo svincolato Enrico Bearzotti, un jolly che se messo sotto contratto potrebbe anche chiudere le porte al rinnovo di Balzano. Bearzotti è infatti la nuova idea per la fascia destra del Pescara: il difensore ventiquattrenne, svincolato dopo l’esperienza di Modena, ha un gran rapporto con Matteassi anche extra calcio e non è escluso affatto che la pista possa surriscaldarsi in qualsiasi momento 

Con l'addio di Masciangelo in direzione Benevento (prestito biennale con obbligo di riscatto è la formula), sull'out mancino fari puntati su Daniele Sarzi Puttini dell'Ascoli. Il giocatore ieri si è presentato a Castel di Lama per il preraduno dei bianconeri e partirà sabato alla volta di Cascia in caso di mancate novità dal mercato, ma in terra picena danno per imminente il passaggio al Delfino in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione.  Su Crecco c'è il Pordenone, su Nzita mezza B ma ha il problema dell'alta valutazione: uno dei due dovrebbe lasciare comunque Pescara (per Nzita si può profilare un prestito o una cessione con “formula Masciangelo”: per non perdere la Nazionale, preferirebbe restare in cadetteria). 

Circa Marco Firenze, accostato ai biancazzurri, la pista è abbastanza complicata sia per questioni economiche, sia per questioni tattiche sia per la nutrita concorrenza. Discorso analogo per i due principali obiettivi offensivi: Gliozzi, Cheddira e D'Ursi. Ma l'esterno di proprietà Napoli resta nome da tenere in grossa considerazione. Su Michele Vano la concorrenza è folta e qualificata: per il Delfino non è la prima scelta, ma comunque un giocatore gradito. Il Centro riporta una lunga lista di possibili alternative per il pacchetto d'attacco: Jocopo Manconi (Albinoleffe), Davide Luppi (Modena), Gabriele Arrighini (Alessandria), Federico Furlan (Ternana) e l'ex Manuel Pucciarelli (Chievo). Sul possibile ritorno di Manuel Pucciarelli al momento non abbiamo riscontri. L’attaccante toscano per quanto legato emotivamente al Pescara, attualmente è sotto contratto con il Chievo a cifre proibitive per la Lega Pro. E’ chiaro che se i veneti dovessero essere fuori dalla B, il discorso sarebbe completamente diverso, in virtù del fatto che tutti i giocatori sarebbero liberi da qualsiasi vincono. Ad ogni modo a brevissimo sapremo. Per Tuttosport, invece, il Delfino avrebbe anche l'idea Guido Marilungo. 

Il Pescara, infine, resta con il dubbio Cristian Galano. L'attaccante pugliese era considerato tra i possibili partenti ma, come riporta Il Messaggero, alla fine potrebbe decidere di rimanere in Abruzzo e giocarsi le sue carte con Auteri in panchina. L'ultima parola spetta al presidente Sebastiani perché Galano andrà in scadenza il prossimo giugno e potrebbe essere necessario un rinnovo contrattuale per rimanere e non rischiare di perderlo tra un anno a 0. 

Ricordate la meteora biancazzurra Latte Lath? E' stato ufficialmente ceduto in prestito dall'Atalanta alla Spal. 

HA COLLABORATO MATTEO SBORGIA

Commenti

Una nuova targa allo stadio Adriatico - Cornacchia di Pescara
Un ex Pescara (e Juventus) riparte dal Sambuceto