Prima squadra

Il Pescara inserito ancora nel Girone B? Ecco le ipotesi

Probabile conferma nel girone "centrale". Ma non ancora scontata

07.06.2022 00:01

Non dovrebbero esserci grosse sorprese e nella prossima stagione il Pescara sarà inserito di nuovo nel girone B: per l’ufficialità bisognerà attendere ancora qualche settimana, ma alla fine nel nuovo campionato che scatterà il 28 agosto i biancazzurri dovrebbero essere confermati nello stesso girone del 2021-22
LE IPOTESI -  Allo stato attuale, in caso di successo del Padova contro il Palermo nella finalissima play off, insieme al Delfino nel girone B ci sarebbero Ancona Matelica, Carrarese, Cesena, Fiorenzuola, Gubbio, Imolese, Lucchese, Montevarchi, Olbia, Pontedera, Reggiana, Siena, Teramo, Vis Pesaro, Virtus Entella, Viterbese e le neopromosse dalla D Rimini, Recanatese e San Donato Tavarnelle.
Invece, qualora il Palermo fosse promosso in serie B la Viterbese verrebbe dirottata nel girone C e al suo posto a fare compagnia al Pescara e ad altre 18 squadre arriverebbe un club del girone A. Quest'ultimo attualmente comprende, in caso di promozione del Padova, Albinoleffe, Alessandria, Arzignano, Feralpisalò, Juventus Under 23, Lecco, Mantova, Novara, Pergolettese, Piacenza, Pordenone, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate, Sangiuliano City, Trento, Triestina, Vicenza e Virtus Verona (se in B andasse il Palermo, una di queste scalerebbe nel gruppo B). Infine, nel girone C, al momento, in caso di promozione del Padova ci sarebbero Avellino, Campobasso, Catanzaro, Cerignola, Crotone, Fidelis Andria, Foggia, Gelbison, Giugliano, Juve Stabia, Latina, Messina, Monopoli, Monterosi, Palermo, Picerno, Potenza, Taranto, Turris, Virtus Francavilla (se vincesse il Palermo, al posto dei siciliani nel girone C finirebbe la Viterbese).

CLUB A RISCHIO -Il termine per depositare la documentazione necessaria e iscriversi al campionato scade il 22 giugno e quel giorno la situazione sarà già ben delineata, anche se le possibili esclusioni rischiano di dilatare i tempi, dal momento che i club potrebbero presentare i ricorsi. Dovesse verificarsi questa ipotesi, c'è  serviranno almeno un paio di settimane in più per stabilire se le società avranno i requisiti per partecipare al torneo 2022-23, oppure verranno estromesse dalla serie C. Al momento, sono numerosi i club con un futuro incerto. Tra questi figura anche il Teramo. Poi ci sono Imolese, Monterosi, Potenza, Pro Patria, Messina e Triestina.
 

CONCLUSIONI - Domani il consiglio direttivo della Lega Pro, presieduto da Francesco Ghirelli, si riunirà insieme con le altre componenti per ufficializzare i criteri e la tabella di marcia in vista della prossima stagione. Come detto, nessuna novità sembra esserci  all’orizzonte, quasi sicuramente per la formazione dei gironi verrà utilizzato il criterio di composizione orizzontale nord/centro/sud che si basa sulla longitudine delle varie città. I gironi definitivi verranno comunicati ufficialmente intorno alla fine di luglio, mentre entro i primi dieci giorni di agosto saranno diramati i calendari. 

Commenti

Grandi vittorie e una retrocessione amara: il Pescara 1992-93
Un talento pescarese in prova con la Juventus