Prima squadra

Numeri impressionanti, col Messina si possono anche migliorare!

La truppa di Colombo viaggia ad una media pazzesca

11.11.2022 00:01

La velocità di crociera dei biancazzurriè eccellente. Peccato aver trovato sul proprio cammino un Catanzaro da record, che non molla nulla e che anche nello scontro diretto col Crotone ha dettato legge (consentendo al Delfino, complice la vittoria con la Gelbison, di scavalcare gli Squali e di issarsi al secondo posto). Eppure il Catanzaro è ad un tiro di schioppo e, cosa ancor più confortante, sembra aver già espresso il suo massimo, a differenza del Pescara che sembra avere ancora ampi e importanti margini di miglioramento. Ma c'è anche un'altra considerazione da fare, nella malaugurata ipotesi che non si possa salire in B direttamente ma che la chance possa arrivare solo agli spareggi: negli altri 2 gironi ci sono certamente squadre pericolose, ma nessuna sembra al momento dello stesso livello delle “3 sorelle” del Girone C, ovvero Catanzaro, Pescara e Crotone.

Dicevamo di un cammino prepotente del Pescara: lo testimoniano e lo certificano i numeri. A tal proposito vi riproponiamo alcune stastistiche riportate da Rete 8 che ha sentenziato come questo sia “Il miglior Pescara degli ultimi 50 campionati, dal lontano 1973-74 con 29 punti in 12 gare. Quattro di più dell’irripetibile Pescara di Zeman (2011-12) e del Pescara di Delio Rossi che nella stagione 1996-97 subì la prima sconfitta, proprio alla dodicesima giornata, sul campo del Venezia (2-0)”. Ovviamente le squadre di Rossi e Zeman, però, giocavano nella serie cadetta. Ben più opportuno il paragone con  il Pescara di Ivo Iaconi (serie C 2002-03): “Con 24 punti, dopo 10 turni, incappò in due ko consecutivi contro l’Avellino al “Partenio” (1-0) e la Torres all’Adriatico (1-2)”.

I 29 punti sin qui collezionati da mister Alberto Colombo e dai suoi ragazzi garantirebbero ampiamente il primato nei gironi A e B dove le quattro capolista hanno, rispettivamente, 23 e 24 punti; ovviamente il medesimo discorso vale anche per il Crotone, terzo a quota 28 (inutile citare lo schiacciasassi Catanzaro, ancora imbattuto, che ha 32 punti frutto di10 successi e 2 pareggi).

E domenica alle ore 15 contro il Messina di Auteri (punultimo con 10 puni) c'è la concreta chance di incrementare il bottino biancazzurro, perchè la squadra dell'ex trainer pescarese è più che balbettante (eufemismo) lontano dalla Sicilia: 6 sconfitte su 6, 1 solo gol fatto e ben 14 subiti. E la prospettiva assai concreta (si facciano gli opportuni scongiuri) che questa statistica non verrà ritoccata in meglio domenica pomeriggio….

 

 

Commenti

La "nuova vita" di Andrea Gessa
Designato l’arbitro di Pescara-Messina