Prima squadra

Sorrentino: "Possiamo centrare l’obiettivo Serie B, ne sono convinto"

"Il primo obiettivo è aiutare il Pescara a tornare almeno in B"

16.01.2022 00:01

Alessandro Sorrentino è una delle note liete del Pescara 2021-22.  Grande protagonista della scorsa trionfale stagione in Primavera, l'infortunio di di Gennaro lo ha reso titolare (ultimo match ci Ancona a parte, poichè infortunatosi nel riscaldamento) prima del tempo. e' infatti ritenuto un predestinato questo portiere nato a Guardiagrele, come un certo Morgan De Sanctis, e che piace già ai piani alti del calcio italiano. 19enne, da piccolo ammirava Gigi Buffon e in famiglia lo sport è un dogma. l’altra figura di spicco è la sorella Giulia che gioca a basket in Serie A con il Vigarano. Alessandro punta al massimo e svela il suo sogno: «Mi piacerebbe vedere il Pescara in B a fine stagione e in futuro vorrei arrivare più in alto possibile». Nei giorni scorsi il portiere originario di Mozzagrogna si è raccontato a Il Centro e ora vi riproponiamo l'intevrista rilasciata al quotidiano abruzzese. Buona lettura!


Sorrentino, dalla Primavera a titolare in prima squadra. Sensazioni?
«In questo periodo sono felice, ma, allo stesso tempo, resto concentrato sul lavoro. So che devo migliorare sotto tanti aspetti e l’esperienza che sto accumulando sarà molto formativa».
Due grandi sportivi in famiglia, ma Giulia ha scelto il basket.
«Mia sorella ha fatto tanti sacrifici per arrivare in Serie A, è andata via da casa quando aveva 15 anni. È sempre stata molto determinata. Siamo simili? Sì, lei vorrebbe sempre il massimo, anche se a volte tende un po’ ad abbattersi se le cose non vanno per il verso giusto. Su questo siamo diversi».
Mamma Giovanna, papà Pino e vostro fratello Mario. Chi è il più appassionato?
«Tutti ci seguono con passione. Mia madre si agita abbastanza quando sono in campo, lo stesso fa mio padre se gioca mia sorella. Mario gestisce un bar ed è il mio primo tifoso. Se sul giornale esce un articolo che parla di me, lo custodisce con cura e cerca di ‘sponsorizzarmi’ con gli amici».
L’emozione più forte che ha provato nel calcio?
«L’esordio in C e la vittoria del campionato Primavera, due momenti che resteranno impressi per sempre nel mio cuore».
Il primo posto è lontano, ma ci sono i play off. Il Pescara può farcela a tornare in B?
«Certo, abbiamo dimostrato di avere carattere e di potercela giocare. Possiamo centrare l’obiettivo, ne sono convinto».
Un giudizio su Auteri?
«È molto esigente con noi, è così perché sa che abbiamo enormi potenzialità. E per raggiungere risultati importanti bisogna fare sacrifici. È un grande allenatore».
Il rapporto con Iacobucci e Di Gennaro?
«Di Gennaro è molto simpatico, non è stato difficile diventare amici. Stesso discorso con Iacobucci che è arrivato a campionato in corso».
A chi si ispira?
«Buffon è stato un punto di riferimento per la voglia di vincere. Ora non ho un idolo, studio i migliori per arricchire il bagaglio personale, rubare i segreti e crescere».
Obiettivi futuri?
«Il primo è aiutare il Pescara a tornare almeno in B. Poi vorrei arrivare più in alto possibile per vedere ripagati i miei sforzi. Sarebbe anche il giusto premio per i sacrifici che la mia famiglia ha fatto per permettermi di inseguire un sogno». 

Commenti

Alla scoperta della pescarese Gaia Realini, astro nascente del ciclismo
Matteassi fa il punto sul mercato biancazzurro: "Ecco lo stato delle cose"