Pallanuoto

Il Pescara Pallanuoto vince la regular season e va a caccia dell'A2

Ai playoff fattore campo a favore. Il Club Aquatico chiude quinto

19.06.2022 20:04

Missione compiuta per il Pescara Pallanuoto, che a Le Naiadi batte per 16-7 la Cesport nell’ultima giornata del girone 3 del campionato di serie B, conquistando il primo posto in classifica. Un successo mai messo in discussione, arrivato al termine di una partita iniziata con oltre 20 minuti di ritardo per un imprevisto alla squadra ospite, metabolizzati senza troppi sforzi dai biancazzurri. Una piccola impresa quella costruita partita dopo partita dal Delfino, che prima ha messo in ghiaccio la salvezza e poi ha capito di potersela giocare, tanto da scalare la classifica settimana dopo settimana. Adesso sulla strada che porta in A2 c’è l’Acese, squadra siciliana, attesa per gara-1 sabato prossimo a Pescara. Una sfida al meglio delle tre partite, con il fattore campo dalla parte dei biancazzurri.
Dopo il gol di Corcione segnano tre volte Di Fulvio, De Vincentiis e Micheletti. Giordano e due gol di Di Fulvio caratterizzano il secondo parziale, con in mezzo la rete ospite di Minervino. Cerasoli, De Vincentiis e De Luca allungano, la doppietta di Femiano e Di Peso vale la replica della Cesport, poi ancora Giordano e Femiano. Nell’ultimo tempo ancora due reti di Di Fulvio, De Vincentiis e Cerasoli, a cui risponde il gol di Perrotta.
“Un primo posto meritato” dice mister Franco Di Fulvio al termine. “Siamo stati più bravi di una squadra più forte come Ischia. Abbiamo fatto risultato con tutti, strappando con il cuore il punto all’Ischia, che nelle due gare ha dimostrato di avere qualcosa in più di noi. Nonostante il ritardo, oggi i ragazzi sono rimasti concentrati, come sempre hanno fatto durante tutto l’anno. Adesso ci giochiamo la nostra partita contro l’Acese, convinto che questo gruppo darà il massimo per raggiungere l’obiettivo”.

L'altra pescarese, il Club Aquatico, ha chiuso con un successo esterno la sua stagione. Nella vasca del Basilicata 2000, infatti, gli orange di coach Marco D'Altrui – trascinati da Delle Monache, Prosperi, De Ioris e Di Fonzo – hanno maramaldeggiato sugli avversari, privi di parecchi titolari, e si sono imposti per 16-9 (parziali: 0-2, 5-3, 2-7 e 2-4). Il Club Aqautico del presidente Fustinoni ha chiuso così il suo torneo a centro classifica (quinto posto) a quota 26 punti, frutto di 8 vittorie e 2 pareggi in 18 partite (156 gol fatti, 153 reti subite). Dopo la finale playoff della scorsa stagione, il sodalizio dannunziano era partito con ambizioni di lottare per il vertice del girone, ma dopo un buon avvio, complici gli infortuni e l'addio di mister Paolo Bocchia, si è avuta una flessione che ha di fatto estromesso il team dai giochi per i playoff, aprendo al contempo le porte al rischio playout. Nelle ultime 5 partite, però, la cura D'Altrui ha avuto effetto (13 punti totali, 9 in trasferta e 4 in casa) e la truppa si è immediatamente risollevata, togliendosi dalle sabbie mobili della graduatoria e centrando una meritata salvezza. E adesso si potrà pensare sin da domani a programmare il futuro.

Commenti

Grandi vittorie e una retrocessione amara: il Pescara 1992-93
L'abruzzese Stefano Ramundo centra la nona vittoria tra i "pro"