Prima squadra

2 gol presi in un minuto: #LucchesePescara 2-1

Al Porta Elisa è andata così...

03.04.2022 13:43

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE - 

Il terzo posto si allontana…

Allo stadio Porta Elisa il Pescara cade contro la Lucchese per 2-1. Con questo risultato il terzo posto, occupato dal Cesena vittorioso al Manuzzi contro l’Entella, si allontana di 5 punti. la lucchese trova due gol fotocopia, ad inizio ripresa in un solo minuto, prima con Visconti poi con Belloni. A nulla è servita la rete del “Loco” Ferrari per rientrare in gara.
LA GARA: Tante novità nel 4-2-3-1 disegnato da Auteri: fuori Pompetti causa squalifica torna dal primo minuto Memushaj; in difesa non c’è Drudi ma Ierardi assieme a Ingrosso. In attacco Rauti, D’Ursi e Pontisso alle spalle di Ferrari.
La Lucchese di Pagliuca si schiera con un 4-3-2-1 con Tumbarello e Belloni alle spalle della punta Nanni. Arbitra D’Eusanio della sezione di Faenza.
Dopo 5 minuti di gioco la prima occasione della gara è del Pescara: cross dalla destra di Zappella in area di rigore per il colpo di testa di Ferrari con la porta completamente sguarnita non deposita in rete, pallone sul fondo.  due minuti dopo si vede anche la Lucchese con Visconti che carica il tiro centralmente, Sorrentino con la mano di richiamo mette in corner. Al 9’ controllo di Tumbarello con Collodel che calcia in area di rigore, pallone sopra la porta. All’11’ sugli sviluppi di un corner Memushaj calcia dal limite dell’area, sfera deviata dai difensori lucchesi con la palla che termina tra le braccia di Coletta.  
al 21’ Visconti ci riprova nuovamente dalla distanza, pallone in curva. Al 26’ la Lucchese sfiora il vantaggio: Minala serve dal limite Nanni con quest’ultimo che fa partire una rasoiata verso il secondo palo, la sfera termina sul fondo. un minuto dopo cross dalla sinsitra di Minala per Tumbarello che calcia al volo, pallone in curva. al 38’ colpo di testa di Ierardi in area di rigore, pallone sopra la porta difesa da Coletta. Al 41’ D’Ursi controlla con il petto il pallone concludendo con un tiro debole che finisce tra le braccia di Coletta. Il primo tempo tra Lucchese e Pescara termina sullo 0-0 senza minuti di recupero. Prima dell’inizio della ripresa cambio per il Delfino: dentro Cernigoi per Rauti.
Al 47’ si sblocca il match con il vantaggio della Lucchese con Visconti che approfitta di un buco difensivo biancazzurro, calcia dalla distanza all’angolino del secondo palo battendo Sorrentino: 1-0. Un minuto dopo i padroni di casa raddoppiano, questa volta con Belloni che segna ala stessa maniera del compagno Visconti, questa volta Sorrentino tocca il pallone ma la sfera termina in rete: 2-0.
Al 52’ la reazione del Pescara: calcio d’angolo battuto corto per Memushaj che crossa in area di rigore sul secondo palo per Ferrari, colpo di testa dell’attaccante che termina fuori. Al 54’ il Pescara dimezza lo svantaggio con Ferrari che calcia dal limite dell’area e trafigge Coletta: 2-1. Proteste da parte dei padroni di casa per la trattenuta “del Loco” su Minala ma la rete viene convalidata dal direttore di gara. Al 62’ Minala fa partire un destro dai 25 metri, Sorrentino para in due tempi. Ripresa con pochissime occasioni e tanti cambi che non hanno portato benefici al Delfino. Terminati i 6 minuti di recupero l’arbitro D’Eusanio di Faenza mette la parola fine al match: per il Pescara è una sconfitta sanguinosa con il terzo posto che si allontana in concomitanza del successo del Cesena ai danni dell’Entella.

TABELLINO
LUCCHESE-PESCARA 2-1
MARCATORI: 47’ Visconti, 48’ Belloni (L), 54’ Ferrari (P)
LUCCHESE (4-3-2-1) Coletta; Visconti (59’Frgerio), Corsinelli, Bachini, Bellich; Nannini; Collodel, Minala; Tumbarello (59’ Baldan), Belloni (83’ Ubaldi); Nanni (68’Babbi); All. Pagliuca
PESCARA (4-2-3-1): Sorrentino; Frascatore, Ierardi, Ingrosso, Zappella; Memushaj (61’ Clemenza), De Risio; D’Ursi (73’Diambo), Pontisso (81’Nzita), Rauti (45 s.t Cernigoi); Ferrari; All. AuterI
AMMONITI: Rauti, Ingrosso (P)
ESPULSI: 
ARBITRO: D’Eusanio della sezione di Faenza

Commenti

Abruzzo & Giro d’Italia, una lunga storia d’amore tutta rosa: Merckx, Pantani, Bernal e poi...
Zappella: "Dovevamo essere più duri e cattivi"