Prima squadra

Breda: "Ci sono 4 recuperi. Contento dei nuovi arrivati"

La vigilia del tecnico pescarese

22.01.2021 11:37

Sarà una gara speciale quella di Salerno per il mister del Pescara Roberto Breda. Il tecnico degli abruzzesi infatti ha giocato e allenato la Salernitana, di cui da calciatore è stato anche capitano. Un legame forte, durato ben 11 stagioni tra campo e panchina. Alla vigilia della sfida, prima della partenza per la Campania, il tecnico biancazzurro è tornato a parlare alla stampa.

Ecco le sue dichiarazioni: 

"Balzano e Bocchetti sono recuperati, ma aggrego al gruppo Asencio e Drudi. I nuovi? Si vede sin da subito che hanno qualità, sono due bei corazzieri. Sono contento di chi è arrivato e di chi è andato a trovare spazio altrove. Sorensen può giocare a 4 o a 3 a destra, dove eravamo carenti, Odgaard ha belle caratteristiche. E' una punta vera, che ha grandi margini di miglioramento e può far bene. Lui e Asenciopossono riempire bene l'area, caratteristica che ci serviva. A centrocampo non abbiamo caratteristiche di truttura, potrebbe essere uno degli obiettivi da qui a fine mercato prendere qualcuno con queste qualità. Se arriva si completa un buco, altrimenti la squadra è competitiva così. In difesa? Non è scontato cosa accadrà, sono contento di come sta lavorando la società e del gruppo che ho a disposizione. Scognamiglio via? Io sono contento di lui, ma certi discorsi fanno parte di strategie del club. Vedremo quando e cosa accadrà. Pirola? E' un buon giocatore.

Il modulo di domani? Abbiamo provato anche la difesa a 4, con l'arrivo di Machin e altre situazioni avere due alternative tattiche, dall'inizio o a gara in corsa, è importante. Per il tipo di acquisti che abbiamo fatto possiamo pensare a un cambio di assetto, lavorandoci. Ho un gruppo che ha buona qualità, aumentata con l'arrivo dei nuovi. Bisogna capire il momento, se la qualità porta efficacia e risultati tanto meglio. Dobbiamo mantenere equilibrio, niente esperimenti perchè non possiamo buttare via le partite. E' un cantiere in divenire, l'obiettivo determinante è fare più punti possibili ma vedremo quale sarà la strada migliore. Machin dal 1'? I nuovi non per forza devono partire dalla panchina, sto valutando due soluzioni tattiche diverse. Machin esclude Maistro? Possono giocare anche insieme. 

Salerno per me è stata la parte più importante della carriera da giocatori. Risultati, esser capitano e avere tante presenze non la rende una gara come le altre, ma penso solo al campo per affrontare una squadra che sarà arrabbiata. Serve temperamento e qualità domani, è una battaglia che dobbiamo fare con il massimo rispetto dell'avversario ma con l'idea di riportare punti a casa. I ricordi sono indelebili, ma serve far punti e non importa contro chi

Il bilancio al giro di boa? Parlo solo di quello che è stato con me, non mi permetto di aprlare del pregresso. Come atteggiamento i ragazzi si sono sempre messi a disposizione con voglia di uscire da questa classifica, in una B molto più equilibrata del passato, si è alternato qualche partita buonaad altre meno. Abbiamo fatto 3 vittorie, 3 pari e 3 sconfitte, ma in 4 gare non abbiamo incassato reti. E' una squadra viva, ma c'è tanto da lavorare avendo voglia di risolvere i problemi ed andare oltre le difficoltà". 

Commenti

Calciomercato live: tutte le trattative minuto per minuto
SALERNITANA – PESCARA: I PRECEDENTI