B Zona

Dall'Africa alla serie A passando per l'Abruzzo: la storia dell'atalantino Sidibe

L'ex biancazzurro Gasperini lo ha fatto debuttare contro la Lazio

04.02.2022 00:01

Una storia che parte da lontano e che, passando per l'Abruzzo, arriva a Bergamo ed ha l'epilogo più bello: l'esordio in serie A. Ne ha fatta tanta di strada, è proprio il caso di dirlo, Alassane Sidibe, gioiello dell'Atalanta che nell'ultimo match di campionato, in casa della Lazio, è stato lanciato da Gasperini nel finale di partita. Ivoriano, classe 2002, Alassane ha vissuto 8 minuti, 5 regolamentari e 3 di recupero, al posto dell'azzurro Pessina in uno degli stadi più importanti del mondo a coronamento di storia bellissima, iniziata in Costa d'Avorio e proseguita con uno dei tanti viaggi della speranza all'inseguimento di una nuova vita e di un sogno. Arrivato a inizio 2016 a Lampedusa assieme al fratello Hamed, ha vissuto i suoi primi mesi in Italia in Abruzzo, a Collelongo, dove è stato accolto, protetto e coccolato dalla comunità. Ma intanto Alassane tirava bene calci ad un pallone e fu il Capistrello a notarlo subito. L'Atalanta, da sempre società modello per la scoperta dei talenti con un filo diretto con la provincia aquilana (come dimenticare, ad esempio, Domenico Morfeo e Luciano Zauri pescati nella Marsica e lanciati nel grande calcio?), non ci ha pensato due volte a portare quel quindicenne assai promettente a Zingonia per giocare nella formazione U16. Un anno in U17, uno in U18, adesso il secondo in Primavera: Sidibe ha segnato 10 gol nella passata stagione e in quella in corso già 7, 5 in campionato (2 al Pescara) e 2 in Youth League. Particolare non trascurabile: è un centrocampista. E la Lazio sembra essere l'altra squadra del suo destino. Proprio contro i capitolini, Alassane aveva realizzato il suo primo gol atalantino a marzo 2018, mettendo la sua firma sulla vittoria dell’U16. Un segno del destino. «La strada è lunga, “la maratona continua”, che Dio ci protegga e ci benedica», ha scritto in francese su Instagram subito dopo il debutto. Poche e semplici parole che fanno capire come il ragazzo abbia chiaro che la strada per il successo sia ancora lunga e tortuosa. Ma intanto anche l'Abruzzo tifa per lui. Capistrello in particolare, col club locale che gli ha dedicato una nota. “Un sogno che è diventato realtà”, si legge. “Ha iniziato con il nostro settore giovanile, guidato da grandi mister come Filippo Lancia e Attilio Tuzi. Ragazzo timidissimo, ma vederlo giocare era una gioia, faceva brillare i nostri occhi, eravamo tutti convinti che arrivasse in alto, non a caso c'era la fila di grandi squadre per tesserarlo. Motivo di grande orgoglio per la nostra società. Non fermarti Alassane, facci sognare”. 

Commenti

Calciomercato live, tutte le trattative minuto per minuto
Federnuoto Abruzzo: il presidente Cristiano Carpente scrive a Marsilio