Pallanuoto

Le cugine pescaresi (regine del mercato) tornano alle Naiadi

Verso la nuova stagione in serie B

18.11.2021 09:00

Il Delfino chiama, il Club Aquatico risponde. Sono le cugine pescaresi ad aver animato il mercato della pallanuoto ed entrambe si candidano come regine della serie cadetta. Negli ultimi giorni sono stati gli Orange del presidente Riccardo Fustinoni ad animare le trattative.  Al confermatissimo coach Paolo Bocchia, probabilmente il migliore della B come confermato l'anno scorso centrando la finale playoff, la società elementi di rilievo, di cui uno straniero, il primo nella storia del Club pescarese: un portiere e un centroboa, entrambi giovani e di prospettiva, perché l'dea di base è perseguire il più possibile la linea verde. Si tratta del portiere Tommaso Brandoni, 25enne cresciuto pallanuotisticamente a Roma sponda Vis Nova, nella passata stagione a difesa della porta del Frosinone, dove è stato autore di un ottimo campionato, arrivando a un passo dalla promozione in serie A”, e del centroboa Jeremy Abela, atleta di Malta. Il ruolo di centroboa era una delle esplicite richieste di coach Bocchia sul mercato ed Abela rappresenta un arrivo doc: ha una struttura possente, è nazionale maltese e, nonostante la giovane età (23 anni), ha già maturato importanti esperienze internazionali in Spagna, Serbia e Francia. Ma la dirigenza pescarese potrebbe ancora intervenire sul mercato, se ce ne sarà l'occasione, e qualcosa bolle già in pentola. Sabato pomeriggio, intanto, al Pala-Pallanuoto delle Naiadi si è tenuto l'open day per presentare ufficialmente tutte le attività del Club Aquatico. Non solo pallanuoto, quindi, ma anche nuoto e nuoto sincronizzato, ma è chiaro che la principale attrazione societaria è la squadra che l'anno scorso ha sfiorato la promozione in A2 e che in questa stagione ci riproverà con ancor più convinzione. Il doppio arrivo orange è la risposta al Pescara del tandem Marinelli-Calcaterra, che ha riportato a casa due big: Carlo Di Fulvio e Stefano Morretti, quest'ultimo strappato proprio ai cugini. Le premesse per una grande annata agonistica, dopo quella assai sofferta del 2020-21 culminata con il playout salvezza, ci sono tutte. Il direttore generale Roberto Calcaterra non ha dubbi: “Stiamo costruendo una squadra per vivere una stagione senza patemi, puntando innanzitutto alla salvezza per poi vedere cosa può succedere. Se ci sarà bisogno di ulteriori innesti la Società non si tirerà indietro. Abbiamo un progetto che vuole riportare il Pescara Pallanuoto dove merita di stare”. Le pescaresi dopo l'esilio storneranno a giocare alle Naiadi, come confermato da Domenico Narcisi, amministratore delle piscine 

A oltre un mese e mezzo dalla presa in gestione delle Naiadi di Pescara da parte della Pretuziana Teramo, intanto, i numeri dell'impianto di viale Riviera Nord cominciano ad avere una buona consistenza.

Le iscrizioni sono arrivate infatti ad oltre un migliaio per i vari servizi oltre ai tesserati delle società che con i loro iscritti fanno attività sportiva nell'impianto di viale Riviera Nord. fare bene per avere una proroga.  A oltre un mese e mezzo dalla presa in gestione delle Naiadi di Pescara da parte della Pretuziana Teramo, i numeri dell'impianto di viale Riviera Nord cominciano ad avere una buona consistenza.

Le iscrizioni sono arrivate infatti ad oltre un migliaio per i vari servizi oltre ai tesserati delle società che con i loro iscritti fanno attività sportiva nell'impianto di viale Riviera Nord.

Tra queste la Pescara Pallanuoto, il Club Aquatico che utilizzano il Palapallanuoto, lo Swing Team (nuoto sincronizzato) e altre società che praticano Triathlon e anche arrampicata.

"Stiamo lavorando per riportare in alto le Naiadi. Con la nostra società Pretuziana vogliamo anche partire con la pallanuoto femminile. In settimana riapriranno anche la Spa e il negozio interno gestiti da personale interno senza ulteriori costi. L'obiettivo - dichiara all'ANSA Domenico Narcisi, amministratore delle piscine Le Naiadi - è quello di arrivare a 2.500 iscritti. Abbiamo investito oltre 130 mila euro fino ad oggi e speriamo di sottoporre fra qualche tempo una buona gestione alla Regione per poter avere una proroga. A Teramo abbiamo puntato per la piscina ad un project financing che con le dovute proporzioni potrebbe anche riguardare in futuro le Naiadi. Vorrei se mi permettete - spiega Narcisi - ringraziare per il gran lavoro i dipendenti (tutti riassunti) e i collaboratori che hanno dato tanto in questo periodo di ripartenza".

Intanto sono partite alle Naiadi già alcune manifestazioni di nuoto e pallanuoto. Tra queste l' "Adriatic Cup" che si svolge per tre domeniche di fila e il "Calcaterra Challenger" (4 e 5 dicembre) Fino a Natale nei week end previsti numerosi eventi".

È confermato infine che il Pescara Pallanuoto e il Club Aquatico giocheranno le gare di campionato al PalaPallanuoto".


 


 

Commenti

Pescara 1992-93, vi ricordate tutti i giocatori?
Viali: "Per fare una grande partita col Pescara ci vuole un grande Cesena per 95 minuti"