Pallanuoto

Campionato di B rinviato, il punto sulle cugine pescaresi

Il club Aquatico ha chiuso un colpo di mercato, intanto

24.01.2022 00:01

 

Le cugine pescaresi della pallanuoto dovranno attendere il primo weekend di febbraio, Covid permettendo, per iniziare ufficialmente la propria stagione. La Fin ha infatti ufficializzato il rinvio dell’inizio del campionato, originariamente previsto per sabato 15 gennaio, a causa dell’evolversi della pandemia ma non ha ancora comunicato come verrà rimodulato il calendario. Il Pescara avrebbe esordito in casa contro Ischia, il Club Aquatico invece in trasferta a Bari: salvo nuovo sorteggio o slittamento integrale del calendario, il primo impegno sarà costituto dalla gara nella vasca del San Mauro per i biancazzurri e dal match interno degli orange contro il Salerno. 

“L’inizio del torneo di B è stato posticipato e i campionati giovanili sono stati sospesi almeno per tutto il mese di gennaio” le parole del d.s. biancazzurro Arnaldo Castelli. “Credo che questa scelta sia stata del tutto inevitabile, se il calcio limita il numero degli spettatori a poche migliaia di unità era ovvia anche una scelta di questo tipo per le altre discipline. Eravamo pronti per il campionato, lo saremo ancor di più quando si partirà. Dispiace perché avevamo fatto la bocca ad un ritorno in vasca a brevissimo. La buona notizia è che siamo rientrati al PalaPallanuoto Le Naiadi. E’ sempre bello riprendere l’attività in casa propria, a partire dalla formazione under 12 in su”, chiude il dirigente e tecnico del Pescara. 

Intanto il Club Aquatico ha ufficializzato un nuovo colpo di mercato. La società del Presidente Fustinoni ha infatti aggiunto anche l’ultimo tassello mancante ad un "sette" già di spessore, rilanciando le proprie ambizioni dopo aver sfiorato la promozione nell’ultimo campionato di serie B: si tratta di Matteo Cacici, mancino classe ’97 dotato di buon tiro e ottima visione di gioco. Quella di un mancino era una richiesta esplicita di coach Paolo Bocchia. Cacici è cresciuto alle pendici dell’Etna, giocando i primi campionati giovanili con l’Acireale e poi arrivando da protagonista fino alle finali nazionali allievi dove è arrivato 5° con  il Nuoto Catania, in quel vivaio che fu la base dell’attuale squadra di serie A.  Dopo un paio di anni di serie C, dove ha segnato parecchi goal con Acese e Acireale, ha deciso di continuare la sua carriera nel campionato maltese, dove ha militato nella nazionale juniores e tra le fila del Neptunes prima e del Marsaxlokk in Premier League fino al campionato scorso. Il suo arrivo rende ancora più efficace il nuovo centroboa Jeremy Abela, che da tempo conosce Cacici in virtù di comuni esperienze passate. 

Commenti

Alla scoperta della pescarese Gaia Realini, astro nascente del ciclismo
Ufficialmente ceduti Sanogo e Radaelli