Prima squadra

Zauri: "Cambio modulo? Vedremo, ma..."

La vigilia del tecnico pescarese

25.10.2019 08:41

Al termine di una settimana non troppo tranquilla dopo il ko interno con lo Spezia, mister Luciano Zauri incontra la stampa per la consueta conferenza stampa della vigilia. Domani a Pescara arriva il Benevento, gara insidiosissima ed importante. Così il tecnico pescarese:

"Sulla scorsa prestazione, dico che nel primo tempo c'è stata ed abbiamo chiuso in crescendo. Abbiamo avuto un blackout di 25 minuti che non possiamo permetterci, ma potevamo vincere. Domani affrontiamo una corazzata che ha tante armi. Il modulo? Vedremo domani. Possiamo adottare più soluzioni, le chance sono 50 e 50. È un discorso di interpretazione, non di numeri o di assetto. Non voglio vedere una passività come nei 25 minuti contro lo Spezia. Dobbiamo fare più punti possibile da qui alla sosta. I progressi di Ascoli non sono stati vanificati. Problema palle inattive? È un discorso di attenzione e interpretazione. In casa un punto nelle ultime 3 gare, dispiace. Ma è un caso. 

I ragazzi stanno bene, ma possiamo giocare con una difesa a 4 o meno. Palmiero è recuperato, come Fiorillo. Il confronto con la squadra di lunedì? In una squadra di calcio si deve parlare, con rispetto ed educazione, non c'è un Re qui. Abbiamo parlato tantissimo anche dopo le vittorie. Io e la squadra siamo dispiaciuti, ma come atteggiamento e impegno non siamo mancati.  Preoccupato per la panchina? Ci penso, ma so sin da inizio le difficoltà.  Io sono in discussione come tutti gli allenatori di calcio. Obiettivo salvezza? Le case si fanno dalle fondamenta, non dal tetto. Una volta raggiunta la salvezza penseremo ad altro. Pensiamo a domani.. Il Benevento ha preso pochi gol ed è solida, sulla carta ha qualcosa in più di noi ma poi vedremo sul campo. Con Inzaghi ho un bel rapporto, nato all'Atalanta. Da giocatore era un vincente, da allenatore sta dimostrando altrettanto. Il Benevento ha tante qualitàper poter fare ripi diversi di partita all'interno della stessa"

Commenti

Erano “Poveri ma belli". Ma vincenti
Deferimenti Pescara per il "caso Machin", gli aggiornamenti