Prima squadra

Ci sarebbero possibili acquirenti per il Pescara

Cessione Pescara: possibili novità all’orizzonte?

14.12.2021 12:30

A CURA DI MATTEO SBORGIA - Ormai non è un segreto che Daniele Sebastiani, presidente del Pescara, stia cercando acquirenti seri a cui cedere le quote di maggioranza del pacchetto azionario. Del resto questo è un obiettivo su cui sta lavorando da tempo. A tal proposito, dopo il pareggio interno con Lucchese (partita giocata in un clima di aspra contestazione nei riguardi del massimo dirigente biancazzurro), c’è stato lo sfogo dello stesso che ha annunciato di voler mettere in vendita del club. Le sue parole hanno sortito qualche effetto, seppur minimo allo stato attuale delle cose. Marco Mattioli, manager sportivo e avvocato pescarese con importanti esperienze nel Chievo prima e nella FeralpiSalò poi in qualità di responsabile delle relazioni internazionali, ne ha parlato ieri sera nel corso della trasmissione Replay su Tv6 condotta da Enrico Rocchi. “Il giorno dopo Pescara – Lucchese – esordisce - ho incontrato per 20 minuti Sebastiani e Bankowski per capire se ci fosse l’effettiva volontà di cedere la società. Il nostro è stato un primo contatto embrionale volto a capire le loro intenzioni e nulla di più. Una volta recepite, è tutto finito lì. Non so al momento se ci saranno o meno sviluppi. Oltre questo non posso dire nulla perché ad oggi non ci sono gli elementi per poterlo fare” Ci sono persone interessate a rilevare il Pescara? “Sono in contatto – spiega - con imprenditori e manager italiani seri e amici tra di loro che hanno già lavorato nel mondo del calcio, avendo avuto un club in serie A e B e sono interessati sia alla società biancazzurra che ad altre compagini appartenenti a questo mondo di cui stanno trattando l’acquisto” Operazione al quanto complessa però. “E’ chiaro - puntualizza Mattioli - che si tratta di una società importante che ha un suo patrimonio importante, chi compra deve avere le risorse ingenti per fare fronte a tutto. E’ per questo un’operazione molto complessa” Perché Pescara e il Pescara? “Chi si avvicina – dichiara  in conclusione il manager sportivo - a voler rilevale il Pescara, lo fa con un obiettivo ben preciso e non è uno sprovveduto. Qui c’è un sodalizio con un patrimonio che come ripeto è importante. Poi c’è storia della città e della squadra di calcio. In più, vista la sua ubicazione ci sono delle potenzialità molto importanti che possono essere sviluppate insieme ad altri aspetti che sicuramente non si trovano in altre città”

NOTA A MARGINE - La seria precedente alla Domenica Sportiva di Rete8, il giornalista Gabriele De Bari ha sostenuto che qualcuno si sarebbe già fatto avanti per rilevare le quote e che la trattativa sarebbe in corso. Stessa pista? O una diversa? Noi al momento non abbiamo riscontri 

Commenti

Video - L'addio di Leo Junior al calcio (a Pescara)
L'ex Romulo Togni trova panchina in Serie D