Prima squadra

Verso il rush finale

L'utilità della sosta: togliere gli ultimi alibi e capire se si può provare a lottare ancora

Redazione Ps24
23.03.2021 00:01

Il campionato va in letargo per una settimana e poi lascerà spazio al rush di stagione e ai suoi verdetti. Il Pisa e la doppia trasferta lombarda prima degli scontri diretti: il percorso immediato nel post sosta sarà questo, con i nerazzurri del pescarese Luca D'Angelo primi avversari. Venerdì Santo avremo forse le risposte definitive, ancor prima delle sfide con le lombarde: perdere ancora in casa o comunque non avere risposte emotive, con reazione vera e convinta, significherebbe far scendere il sipario - che purtroppo appare già pronto ad entrare in azione - ancor prima di quando lo decida l'aritmetica

La sosta sarà utile per mille motivi. Per recuperare gli infortunati (Balzano, Bocchetti, Tabanelli, Odgaard), ricaricare le pile fisiche e mentali (si spera quelle mentali…) e soprattutto togliere l'ultimo alibi anche a questa conduzione tecnica (che sia chiaro ha meno colpe di tutti: ha ereditato una situazione compromessa, ha inizialmente dato una scossa a una squadra senza capo e coda pur mettendoci anche del suo in negativo nelle ultime uscite). Quale sarebbe questo alibi? Il non aver avuto tempo e modo, date le tante gare ravvicinate, per lavorare su moduli e schieramento. Adesso Grassadonia ha solo 3 elementi fuori per le Nazionali e tutto il tempo per provare, almeno un minimo, ad incidere. Contro il Pisa capiremo. 

Mancano 8 partite e ci sono 24 punti in palio, 9 dei quali in scontri diretti (ma restringendo il discorso ai playout sono 6, perchè togliamo la gara con l'entella, ovviamente da vincere, nel computo), ma senza reazione e vittoria col Pisa le ultime 7 servirebbero solo a completare gli annali e gli almanacchi. E si aprirebbe inevitabilmente tutto il discorso sui piani futuri e sull'anatomia di un fallimento tecnico-sportivo (con la seconda retrocessione sul campo, stavolta senza appello ai playout grazie ai guai altrui) che sembra ormai già annunciato

Commenti

Tirreno-Adriatico 2022: l'Abruzzo si candida già per un arrivo di tappa
Ogan Pescara, quinto successo in altrettante gare