Prima squadra

Mercato Pescara - In tanti con la valigia

Ci sarà parecchio via vai, anche se la situazione economica non permette follie

08.12.2021 00:21

Tra meno di un mese ci sarà il via ufficiale alla sessione invernale delle trattative, ma per le prime strategie di mercato del ds Matteassi, necessarie per cambiare la struttura di una squadra che fino ad ora ha deluso tantissimo, non bisognerà attendere parecchio. Le linee d'azione sono praticamente tracciate: via coloro che hanno deluso o che sono stati poco impiegati, soprattutto se non di proprietà, caccia alle occasioni in entrata, qualche tentativo per profili di spessore e attenzione alle offerte importanti per i giocatori di proprietà.

A quest'ultimo aspetto abbiamo riportato nei giorni scorsi parecchie news: i giovani canterani Veroli, Delle Monache (nuovamente convocato in Nazionale Under 17), Sorrentino, Chiarella e Postiglione sono monitorati ai piani superiori e potrebbero essere ceduti, garantendo una ghiotta plusvalenza (reale) pur potendo restare in prestito per i prossimi 6-18 mesi in riva all'Adriatico. Soprattutto il classe 2005 Delle Monache ha calamitato le attenzioni, tra le altre, di Fiorentina, Sampdoria e Juventus con quest’ultima leggermente in svantaggio rispetto alle prime due. Nei prossimi giorni saranno attese offerte concrete. C'è poi Nzita. Il giocatore deve essere ceduto in caso a cifre alte per non far registrare una minusvalenza, ha mercato in B ma non sono ancora arrivate proposte importanti. Il giocatore vorrebbe salire di categoria anche per non perdere la Nazionale e la sua posizione sarà in ballo sino all'ultimo minuto della sessione. Non si può dare nulla per scontato, insomma. 

Circa le possibili uscite, la lista è nutrita. Se Nzita dovesse partire resterebbe Rasi, che in caso contrario potrebbe accasarsi altrove per far spazio al jolly Balzano. Sono in tanti comunque con la valigia in mano, a partire da Valdifiori che realmente è il primo indiziato a partire. Tuttavia non è facile trovare una squadra pronta ad accollarsi lo stipendio del centrocampista e al momento non risultano sondaggi concreti da parte di nessuno (ma potrebbe aprirsi a breve qualche occasione all'estero), Sanogo tornerà certamente al Benevento, e Marilungo potrebbe chiudere anzitempo la sua avventura pescarese. Chi invece resterà in biancazzurro è Eugenio D’Ursi. Anche Rizzo, nonostante abbia deluso in campo e per le intemperanze che gli sono costate 4 giornate di squalifica, non dovrebbe muoversi. Non risultano infatti offerte pervenute al club per lui. 

Diambo e Illanes potrebbero andare a giocare altrove in prestito, come Bocic. Resta in bilico Galano, che va in scadenza e c’è il solito problema legato al bilancio da tutelare. Clemenza dovrebbe restare senza subbio, come De Marchi, mentre su Rauti non sono esclusi colpi di scena. Potrebbe tornare al mittente se il Pescara riuscisse a innestare un attaccante importante. Il presidente a caldo dopo la contestazione durante Pescara-Lucchese ha detto che non farà nulla sul mercato, ma è chiaro che non sarà così. 
De Risio del Bari resta nome caldo: di sicuro arriveranno almeno due centrocampisti (uno di struttura e uno di qualità), un difensore e due attaccanti. Potrebbe a sorpresa tornare Simone Tascone, liquidato troppo in fretta dai biancazzurri e artefice di una buona parte di stagione. Attenzione poi alle occasioni, che qualcuno chiama anche “saldi”. 

Intanto si continuano a fare provini per il settore giovanile. Nei giorni scorsi è stato testato al Poggio il giovanissimo Alessandro Soricone  del Calcio Alpago. Ed inoltre ci si sta muovendo anche all'estero, in Canada e Sud America in particolare, per scovare nuovi talenti
 

Commenti

Video - L'addio di Leo Junior al calcio (a Pescara)
UFFICIALE: A Pescara i Campionati del Mediterraneo U23