Prima squadra

Mercato Pescara, le novità

Niente vera accelerazione nelle trattative in entrata e in uscita. Ma tante ipotesi di lavoro

09.01.2022 00:01

La sessione invernale di mercato è iniziata quasi da una settimana in modo ufficiale, ma finora sono state poche le operazioni, a tutti i livelli, portate a termine. E il Delfino non fa eccezione. Niente vera accelerazione nelle trattative in entrata e in uscita, anche se è arrivato De Risio (leggi qui) ed è vicino Minelli (leggi qui). Tante comunque le  ipotesi di lavoro, dalle quali al momento bisogna escludere Bocalon: fonti qualificatissime vicine al giocatore hanno riferito a PS24 che non ci sono stati finora contatti, ma che sulla punta ci sono vari interessamenti da parte di altri club.

In mediana, dove è in prova lo spagnolo Lazcano, il perugino Sounas, attenzionato nelle scorse settimane dal Delfino, è a un passo dal Catanzaro (superata la Reggina). Attenzione però a Emmanuel Gyabuaa, di proprietà Atalanta già seguito in passato. Classe 2001 ora è a Perugia ma può uscire per trovare spazio con continuità. Doppia nazionalità (Ghana-Italia) per questo jolly di centrocampo che potrebbe rispendere alle esigenze biancazzurre per completare un reparto che ha palesato parecchi deficit (anche numerici) nella prima metà di stagione. Per Aloi tutto fermo: se dovessero uscire sia D'Angelo (difficile) sia Carriero dall'Avellino, il giocatore potrebbe anche restare in Irpinia con buona pace dei biancazzurri e della Virtus Entella che sono interessatissimi. Per il Pescara, in particolare, è necessaria l'uscita di Rizzo per dare l'assalto al giocatore. E non sembrano esserci grosse possibilità, almeno a stretto giro.

E Galano? PS24 ha riscontri su interesse del Foggia di Zeman (che lo punta in alternativa a Peralta), con i Satanelli che - non avendo grossa disponibilità economica - propongono scambi. Markic l'uomo indicato (è in uscita), ma al Delfino piace invece Garofalo. Il giocatore però vuole la B e non sembra allettato dalla proposta di un contratto di un anno e mezzo (scadenza giugno 2023). Su Galano non ancora decollano le piste umbre (Ternana e Perugia) e quelle legate alle altre squadre cadette (Frosinone e Cosenza). Smentite sul Benevento (deve togliere almeno un giocatore offensivo per iniziare a pensarci), mentre qualche segnale arriva da Crotone. Ma al di là delle piste ancora fredde, Galano è destinato ad uscire, anche in extremis a costo di vero saldo. Finotto del Monza piace, oltre che al Pescara, anche a Spal (sarebbe un ritorno), Pordenone, Padova e alle cugine battistrada del Girone B ci Serie C: determinante non saranno categoria o aspetto economico, ma il progetto che verrà illustrato al giocatore. Bocic è sempre più vicino all'Imolese, nonostante le smentite di rito, ma potrebbe non rientrare da Imola per restare a Pescara l'altro biancazzurro Belloni. Bocic piace anche al Lecco, che gradirebbe in primis De Marchi: quest'ultimo partirà però solo in caso di ghiotta offerta. Il Cesena sta sondando la pista, in alternativa a quella che conduce al barese Simeri (che nell'intreccio potrebbe anche finire a Pescara). Confermato l'interesse Samp per Delle Monache, da noi anticipato in tempi non sospetti. Possibili sviluppi interessanti nelle prossime settimane.

Nzita continua a ballare tra estero e Italia (il Palermo ad esempio non molla): in caso di cessione, potrebbe sbarcare a Pescara il terzino Mickael Varutti della Turris (che Matteassi stima, conosce e apprezza da epoca Modena), che però ha già 31 anni, o l'ascolano Gian Filippo Felicioli, che è più giovane (1997) e che il Venezia proprietario del cartellino ha interesse a far giocare con continuità anche se in C.

Attesi sviluppi su Valdifiori, che potrebbe passare al Palermo. Ma da svincolato, dopo aver rescisso il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Il Delfino risparmierebbe 6 mesi di ingaggio. Dai rosanero Frascatore vorrebbe un contratto di almeno 18 mesi per mantenere l’attuale solidità contrattuale (scadenza col Pescara al 30 giugno 2023). Il Palermo, come il Pescara, per innestare deve prima dismettere. È quindi un gioco di incastri: mossa la prima casella, andranno a posto le altre.

L'ex Marras è in uscita dal Bari ma difficilmente tornerà a Pescara, anche se è ritenuto un jolly per entrambe le corsie che sarebbe utilissimo. Ma il Delfino deve dare via in caso almeno 4 attaccanti per pensare (anche) a lui: onestamente troppi in un mercato assai bloccato per tutte le squadre.

Soldi freschi potrebbero intanto arrivare da Elizalde, che verrà riscattato dal Penarol. Da capire se subito o a fine stagione italiana

HA COLLABORATO MATTEO SBORGIA

Commenti

Delle Monache - Blanuta, il nuovo oro della cantera biancazzurra
UFFICIALE - Serie C, posticipata la ripresa del campionato