Altri sport

Beach volley, doppio appuntamento doc in Abruzzo. Uno a Pescara

L'altro a Roseto

28.04.2022 13:09

Si torna a respirare aria di grande evento. Di beach volley all’aperto. Di schiacciate sulla sabbia e di tour. La manifestazione più bella e colorata dell’estate è pronta, di nuovo, a regalare emozioni. L’Associazione Italiana Beach Volley Club vuole regalare e regalarsi un Tour 2022 pazzesco. Sono state ufficializzate le date e le location del BPER Banca AIBVC Italia Tour 2022. Una full immersion di quattro mesi e otto tappe lungo lo Stivale.

Si inizierà nel mese di giugno, poi per tutta l’estate due appuntamenti al mese, mentre l’ultima tappa sarà in programma a settembre. Diverse saranno le location storiche, ma anche tante altre nuove. Come detto si partirà a giugno dalla Toscana con la consolidata tappa a Viareggio, Bagno Flora. Dopo 15 giorni ecco l’Abruzzo con Roseto e la sua Lido Mediterraneo. Nel primo fine settimana di luglio si andrà nel Lazio, a Maccarese, alle porte di Roma, allo Stabilimento Acqua e Sale. Si risalirà l’Italia per recarsi in Emilia Romagna, in una location fulcro di questo sport come Cervia (Bagno Delfino). Poi ad agosto ecco le Marche con Pesaro e il suo Circolo Maracanà nel primo week-end. Non poteva mancare Pescara, di nuovo in Abruzzo, con La Prora, meta di tante battaglie sottorete. Una culla del volley e del beach volley è Modena, al Mutina Beach. Il caldo sud accoglierà la carovana il 24 e 25 settembre a Otranto con la spettacolare Balnarea Beach. Si toccheranno ben sei diverse regioni per un circuito che vuole regalare stupire.

 

LE DATE

11/12 giugno Viareggio, Bagno Flora

25/26 giugno Roseto, Lido Mediterraneo

2/3 luglio Maccarese, Stabilimento Acqua e Sale

16/17 luglio Cervia, Bagno Delfino

6/7 agosto Pesaro, Circolo Maracanà

27/28 agosto Pescara, La Prora

10/11 settembre Modena, Mutina Beach

24/25 settembre Otranto, Balnarea Beach

 

Commenti

Blockhaus "stella" del Giro d'Italia. Vi ricordate la prima volta? La firma fu d'autore...
Tovalieri: "Ai playoff Padova, Reggiana e Catanzaro hanno qualcosa in più"