Prima squadra

Lescano: “Pescara non ha nulla a che vedere con la C”

La carica dell’attaccante argentino in vista del big-match contro la capolista Catanzaro

26.11.2022 11:09

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE - Cresce l’entusiasmo per il big-match tra Pescara e Catanzaro. Previsti più di 9 mila spettatori all’Adriatico (di cui 1500 dal capoluogo calabrese). Facundo Lescano, assente nel nei match contro Messina e Turris per infortunio è pienamente recuperato. Da valutare se tornerà dal primo minuto oppure subentrare a partita in corso. nel dubbio potrebbe essere riconfermato Edoardo Vergani. Queste le parole dell’attaccante argentino ai canali social del Pescara: “Sono a disposizione del mister, sono 10 giorni che mi alleno senza problemi e dolori. Speriamo di poter fare bene domenica. Il Catanzaro non ha mai perso mentre noi in casa abbiamo avuto qualche problemino all’inizio per poi far bene. In caso di vittoria andremo a pari punti mentre se dovessimo perdere il Catanzaro andrebbe a 6 punti in più. Il campionato è lungo, siamo ancora nel girone d’andata e penseremo a fare la nostra partita sapendo che il match in assoluto più importante del girone e menomale che giocheremo all’Adriatico. Sappiamo benissimo che cos’è il Pescara, ho scelto questa piazza per questo. In molti mi dissero che lo scorso anno questo entusiasmo non c’era. Noi, il mister e la società siamo stati bravi a riportare i tifosi dalla nostra parte grazie alle nostre prestazioni. Dobbiamo renderci conto che siamo a Pescara, una piazza che con la Serie C non c’entra niente e speriamo di vedere il pienone possibile. Faccio l’attaccante e vivo per gol-ha detto Lescano-voglio riprendere quel filotto che ho interrotto a causa dell’infortunio e segnare all’Adriatico è un qualcosa di bellissimo. Ho segnato contro Avellino, Fidelis Andria e Cerignola, partita con più gente. Come statistiche varrebbe 1 ma a livello personale segnare all’Adriatico è emozionante ma soprattutto è un ricordo che porti per tutta la vita.”

Commenti

Leo e l'orologio di Berlusconi dopo un famoso Pescara-Milan
Colombo: "Comunque vada, ci sarà ancora tanta strada da fare"