Altri sport

Cataldo va con Ciccone: i due abruzzesi nella stessa squadra!

11.11.2021 11:59

La Trek-Segafredo riunisce i due grandi corridori abruzzesi in attività e aggiunge un'importante dose di esperienza al suo roster 2022: è infatti ufficiale l'ingaggio di Dario Cataldo. Il Team e il ciclista italiano, 36enne ,hanno concordato un contratto di un anno. È l'ultimo tassello della campagna trasferimenti per la prossima stagione, che lo rende il 31° pilota del roster maschile e l'11° nuovo arrivato.

Per Cataldo, invece, la Trek-Segafredo sarà la sesta squadra della sua lunga carriera dopo Liquigas, QuickStep, Sky, Astana e, da due stagioni, Movistar. Un bagaglio di esperienza globale e solido, costruito in quindici anni dedicati al ciclismo professionistico, in cui si è distinto come valido compagno di squadra con 23 grandi giri al suo attivo. Cataldo ha collezionato anche personalmente 11 successi in carriera, tra cui il campionato italiano a cronometro e soprattutto una tappa del Giro d'Italia e della Vuelta a España.

Queste le dichiarazioni

Luca Guercilena, Direttore Generale:

“L'assunzione di Cataldo risponde ad un'esigenza che sentivamo, ovvero quella di aggiungere un pilota esperto, preparato e affidabile per consolidare una squadra con diverse giovani promesse. Crediamo profondamente nelle sue qualità di giocatore di squadra e pilota globale, nonché nella sua capacità di supportare i leader, soprattutto nei Grandi Giri, e i neo-professionisti nella loro crescita. Può dare un prezioso contributo al nostro progetto sportivo”.

Dario Cataldo:

“Entro in Trek-Segafredo dopo diversi anni in cui ho consolidato la mia posizione di road captain e gregario affidabile. È un ruolo in cui mi vedo bene, grazie all'esperienza maturata in grandi squadre e al fianco di leader forti. Credo che i miei tanti anni da professionista siano un valore aggiunto in un gruppo. La gestione della gara, le dinamiche del gruppo e l'armonia di gruppo tra le diverse personalità sono fattori chiave in una gara. Avremo tempo e possibilità di discutere obiettivi e programmi specifici al ritiro della squadra, ma già non vedo l'ora di iniziare.

“Mi avvicino sicuramente a questa nuova esperienza con grande entusiasmo. So di entrare a far parte di un gruppo solido e ben attrezzato, che ha sempre dimostrato competenza e visione. Conosco Luca da molto tempo, abbiamo lavorato insieme per due anni in Quick Step. Ho grande rispetto per lui, sia come uomo che come manager. Quando abbiamo parlato, mi ha dato grande fiducia nel progetto Trek-Segafredo. L'idea di ripagarlo sarà uno dei miei più grandi incentivi.

“In Trek-Segafredo troverò anche un amico e compagno di allenamento, un connazionale abruzzese, Giulio Ciccone. L'ho visto diventare ciclista nella stessa squadra in cui ho iniziato a correre, mio ​​padre è stato uno dei suoi primi allenatori. Ci conosciamo bene e sarà un piacere correre nella stessa squadra adesso, un momento chiave della sua carriera”.

Commenti

Doppia scalata al Re della Maiella al Giro 2022: il Blockhaus fa paura
Ingrosso: "Partita con il Teramo molto importante"