Prima squadra

Ferrari da blindare. Ma per lui c'è già la fila

Squadre cadette sul bomber biancazzurro

19.04.2022 00:01

L'obiettivo di arrivare a 20 gol è ormai prossimo per Franco Ferrari, il bomber biancazzurro che ha una media realizzativa che in riva all'Adriatico non si vedeva da tempo ormai immemore. E' già arrivato a quota 17 reti, ha già stabilito il proprio record personale in carriera ma non ha minima voglia o intenzione di fermarsi. Il Pescara ha puntato sul bomber argentino nato a Rosario, assumendosi una scommessa che non sembrava facile da vincere. Ferrari la scorsa estate è arrivato in prestito dal Napoli con una formula contrattuale particolare: il Delfino ha l’obbligo di riscatto in caso di promozione in B e blinderebbe il giocatore con un contratto triennale. In caso di serie C, invece, c’è il diritto di riscatto. Alla luce dei tanti gol segnati, il club di Sebastiani riscatterà il giocatore a fine stagione ma occhio alle società che hanno messo gli occhi su Ferrari e le quali potrebbero bussare alla porta del Napoli. Il Bari, per esempio, che ha la stessa proprietà del Napoli (la famiglia De Laurentiis), potrebbe riportarlo in Puglia dopo l’esperienza di due anni fa, ma bisogna tener presenti anche Reggina, Ascoli, Ternana e le neopromosse che stanno già assumendo informazioni.

Perdere Ferrari, a prescindere dalla categoria di appartenenza del Delfino nella prossima stagione, sarebbe un delitto. Da tempo, come già detto, al Pescara mancava un goleador come lui:  scorrendo gli ultimi 10 campionati, nel 2018-19 Leo Mancuso fece 19 gol con il Delfino e da allora solo un biancazzurro, Cristian Galano, è riuscito a realizzare un buon numero di reti, ovvero 14 nel 2019-20. Ferrari ha già abbondantemente superato Galano e punta a mettere la freccia la freccia pure su Mancuso, chiaramente via playoff. Impossibile, invece, per Ferrari eguagliare lo score di Lapadula, 27 reti nel 2015-2016, e Immobile, 28 gol nella stagione 2011-2012. Vale a dire gli ultimi 2 trascinatori del Delfino in A…

Commenti

Grandi vittorie e una retrocessione amara: il Pescara 1992-93
Altri successi (e premi) per Velentina Procaccini