Prima squadra

Auteri: "Dobbiamo badare al sodo e fare 3 punti"

La vigilia del trainer pescarese

12.11.2021 14:11

Il Pescara torna in campo dopo due sconfitte consecutive, tra Coppa Italia e Campionato. Una delle due è arrivata proprio per mano del prossimo avversario, il Teramo che ha estromesso i biancazzurri dalla Coppa e ora vuole dare un nuovo dispiacere in campionato alla banda Auteri. Il tecnico pescarese alla vigilia, come di consueto, ha incontrato la stampa per fare il punto della situazione. Ecco le sue parole:

“E' una partita molto importante per noi, parliamoci chiaro. Dobbiamo badare al sodo e fare 3 punti, i giri di parole servono a poco. Questa squadra è forte e ha identità, domani dobbiamo centrare i 3 punti. Inutile girarci attorno. Noi un'identità l'abbiamo, in alcuni momenti abbiamo cambiato per dare tranquillità e non prendere gol. Nelle ultime due trasferte ci sono capitate 2 autoreti, ci sono stati errorini. Ma l'identità c'è. Nelle ultime 3 partite ci siamo abbassati di 20 metri in fase di non possesso e nel calcio c'è a tutto una conseguenza: ci sono stati meno break offensivi e meno intensità. Se alziamo l'intensità, come facevamo un po' di tempo fa, cambia tutto. Dobbiamo alzare di 15-20 metri il baricentro e fare quello che facevamo prima, che erano aspetti positivi, pur mantenendo equilibrio. La cattiveria agonistica non si compra al mercato, ma più che non cattivi certe volte noi siamo ingenui. A Cesena ad esempio potevamo fare un fallo tattico dopo l'errore dal quale è partita l'azione dell'autogol di Nzita. Quando si vince non accade solo per bravura, ma anche per spessore mentale che a noi talvolta manca. Questo però è un gruppo forte, che ha valori consistenti e che ha raccolto meno di quanto seminato, pur con tutti i difetti. Dobbiamo esaltare i pregi e limare i difetti. I risultati aiutano a conseguire consapevolezza e autostima. Per vincere le partite non puoi speculare e aspettare l'episodio, dobbiamo migliorare. Anche nei piccoli dettagli. Siamo preparati e siamo pronti per la gara di domani, dobbiamo tornare ad essere più intraprendenti mantenendo equilibrio e concedendo poco contro una squadra che gioca a calcio e che è ben guidata. Questo è un Girone importante, all'inizio lo pensavo più debole rispetto a quello Sud. Non voglio fuggire o nascondermi, è il momento di parlare meno e fare punti. Nel calcio devi essere bravo a non fare errori e a sfruttare quelli degli altri e noi non ci siamo riusciti spesso finora. Il Teramo si giocherà la partita e ha giocatori importanti, ultimamente ha ritrovato anche la capacità organizzativa ma noi dobbiamo concentrarci solo su noi stessi. La gara di Coppa? E' un'altra storia. Questa è un'altra partita, sappiamo punti deboli e lati positivi del Teramo. Iacobucci o Sorrentino? Iacobucci sta meglio, vedremo, ma Sorrentino ha grandissima qualità. Tutti convocati eccetto gli infortunati, Valdifiori e Sanogo. Drudi ci è mancato in un momento importante e Ingrosso ha giocato con un problema alla spalla, ma sono due giocatori importanti per la categoria e di spessore. Come loro Illanes e Veroli. Secondo me di gol ne prenderemo sempre meno, poi dovremo essere bravi d avere la faccia che avevamo e che dava l'impressione di poter far gol in ogni momento. Diambo? Gli mando un messaggio subliminale. Deve avere un altro atteggiamento nel lavoro”

Commenti

Doppia scalata al Re della Maiella al Giro 2022: il Blockhaus fa paura
De Marchi: “Bisogna rispettare la piazza. Vogliamo vincere"