Prima squadra

Vittoria bis per Zauri: #PistoiesePescara 1-3

La penultima di campionato è andata così...

14.04.2022 20:26

Vittoria bis per Zauri  dal suo ritorno, un successo quasi in fotocopia per sofferenza. Il Pesara espugna Pistoia per 3-1, ma specialmente nel primo tempo va spesso in difficoltà salvo poi trovare le giocate risolutive. Di D'Ursi, Ferrari e Illanes (da poco entrato) le reti ad annullare il momentaneo pari di Moretti. 

La gara. Complice l'emergenza a centrocampo, Zauri propone un 3-4-3 “alla Auteri” con -Ierardi a far compagnia a Drudi e Ingrosso in difesa, Cancellotti e Frascatore esterni sulla linea mediana col tandem centrale Pontisso-Pompetti ed il tridente D'Ursi, Ferrari e Clemenza a completare l'undici base. Alessandrini risponde con un abbottonato 3-5-2 dove le punte sono entrambe ex Delfino: Bocic, ancora di proprietà baincazzurra, e Di Massimo (che però non ha lasciato traccia in riva all'Adriatico). Pronti via e gli arancioni sfiorano subito la rete del vantaggio, con proprio Bocic che arriva di un soffio tardi a porta spalancata per il tap in vincente su assist da sinistra. Meglio i toscani in avvio, i biancazzurri, stasera con la terza maglia, sembrano essersi spaventati dall'occasione iniziale subita e non riescono a prendere in mano il pallino del gioco. Dopo una buona ripartenza sciupata da Clemenza con untiro alle stelle, Di Massimo da punizione ha una buona chance ma calcia centralmente e Sorrentino non ha problemi a bloccare (13'). Un minuto dopo, sempre da calcio piazzato ma da posizione centrale e interessantissima, lo stesso Di Massimo buca l'estremo ospite ma l'arbitro Arace annulla per un fallo degli uomini arancioni in barriera. Al 18' Bocic reclama un rigore per presunto fallo di Drudi, non rilevato dalla terna arbitrale e l'ex si becca con il vecchio compagno. Animi caldi e punte toscane sguscianti. è questo il leitmotiv del match finora. All'improvviso, però, il Delfino passa: il merito è tutto di Eugenio D'Ursi, al suo secondo gol consecutivo senza il mentore Auteri, che dalla lunga distanza scarica alle spalle di Seculin un bolide di rara bellezza, potenza e precisione. 0-1, un po'm a sorpresa per quanto visto fino a questo momento. Al 26' termina a lato un colpo di testa di Ierardi. Al 30', Pistoiese a pochi centimetri dal pari, che onestamente meriterebbe: è sempre Di Massimo lo spauracchio e il diagonale destro dell'attaccante sibila minaccioso a fil di palo. Nulla di più. La Pistoiese resta più vivace ma improduttiva nella sua manovra, il Delfino soffre ma non cede. Al 37', Bocic a tu per tu con Sorrentino calcia al volo in bocca al portiere, di fatto graziando l'ex compagno. Occasionissima sciupata. il gol è nell'aria e si materializza al 39' quando Moretti, un po' fortunosamente, devia nella rete pescarese un cross del solito Di Massimo. 1-1 e tutto da rifare. Al 42' Pontisso sfiora il super gol dalla distanza ma la sua prodezza balistica non inquadra lo specchio della porta. Al 44' Pescara di nuovo avanti. indovinate con chi? Con Franco Ferrari che di testa castiga la sua ex squadra. Gol numero 17 per lui, su cross di un caparbio Clemenza, a chiudere un primo tempo ricco di colpi di scena. 

Le squadre si ripresentano in campo con una sola variazione: è nel Pescara e riguarda l'ingresso di Illanes in luogo di Ierardi. Prte arrembante la squadra di casa, ma Sorrentino non si fa sorprendere da Bocic dopo 3 minuti. Al 52', Illanes, rimasto tutto solo nel cuore dell'area arancione dagli sviluppi di un corner, ha la palla impossibile da sbagliare per il 3-1 e infatti non la sbaglia. Sospetta posizione di fuorigioco per lui, ma tra le proteste dei padroni di casa il gol è convalidato. Bocic è l'ultimo arancione ad arrendersi e prova a seminare il panico tra i biancazzurri, riuscendoci solo parzialmente perchè dopo un bello slalom viene murato al momento di concludere. Al 60' la Pistoiese reclama il terzo penalty di serata, ma come nelle precedenti anche in questa circostanza (su Di Massimo) l'arbitro lascia correre. Al 74', nel Pescara entrano Diambo e Rauti per D'Ursi e Pontisso. La Pistoiese sembra progressivamente perdere verve e fiducia, a tutto vantaggio di un Pescara che col minimo sindacale di sforzo e con molto mestiere difende senza patemi il doppio vantaggio. Al minuto 84', subito dopo aver calciato in porta (alto), Ferrari lascia il suo posto in campo a Cernigoi nell'ormai consueta staffetta in atto in biancazzurro da febbraio. Poi al minuto 88 entra Memushaj per Clemenza, subito dopo una bella azione di marca abruzzese conclusa però male di testa da Rauti. Il tentatico di forcin arancione non sortisce effetti, al triplice fischio a festeggiare è il Pescara. 

Il tabellino:

PISTOIESE-PESCARA 1-3

MARCATORI: 21' D'Ursi (Pe), 39' Moretti (Pt), 44' Ferrari (Pe), 52' Illanes (Pe)

PISTOIESE: Seculin; Moretti, Portanova (86' Nica), Sottini; Mezzoni (56' Pinzauti), Suciu, Marcucci, Folprecht (72' Pertica), Martina;  Bocic, Di Massimo (72' D'Antoni).   All. Marco Alessandrini

PESCARA: Sorrentino; Ierardi (46' Illanes), Drudi, Ingrosso;  Cancellotti, Pompetti, Pontisso (74' Diambo), Frascatore ; Clemenza (88' Memushaj), Ferrari (84' Cernigoi), D’Ursi (74' Rauti).    All. Luciano Zauri

AMMONITI: Ierardi (Pe), Portanova, Pertica (Pt)

ARBITRO: Mario Davide Arace della sezione di Lugo di Romagna. Assistenti: Michele Piatti di Como e Ivano Agostino di Cinisello Balsamo.

Commenti

Blockhaus "stella" del Giro d'Italia. Vi ricordate la prima volta? La firma fu d'autore...
Zauri: "I meriti sono dei ragazzi"