Prima squadra

Pescara-Montevarchi 4-2, le pagelle dei biancazzurri

I goleador sugli scudi, bene Drudi fino a quando resta in campo

22.01.2022 18:11

4 gol, prima vittoria dell'anno solare e sesto risultato utile consecutivo: il 2022 biancazzurro è iniziato all'insegna del sorriso. Tante le note liete, qualche pecca ancora presente ma erano importanti i 3 punti da portare a casa. Missione compita.

Sorrentino 6 Non deve compiere i miracoli, quasi sempre sicuro nello sbrigare l'ordinaria amministrazione

Cancellotti 6,5 Autentico jolly, fa il suo ovunque venga impiegato: esterno, terzo centrale nella difesa a 3, centrale nella difesa a 4. Non sfigura affatto. Affidabile

Veroli 6 Rasi non lo protegge bene ma lui non va in apnea e si dedica ad una partita di sostanza.

Drudi 7 Deve alzare bandiera bianca (sospetto trauma cranico) dopo un tempo di gioco, ma nei primi 45' è praticamente perfetto. “The Wall” regala anche 3 interventi “chiellineschi” che strappano applausi, onorando la fascia da capitano (45 s.t Zappella 6 corsa e quantità al servizio della squadra, ma senza strafare)

Ingrosso 6,5 Preciso e puntuale quando deve, prende in mano la difesa quando esce Drudi e la registra abbastanza bene. Quando la retroguardia traballa fa sentire la sua esperienza. 

Rasi 5,5 Non una giornata memorabile. Meglio certamente quando può spingere rispetto a quando deve dare protezione. La catena di sinistra contro il Montevarchi non è stata il massimo (64’Memushaj 6 Entra bene in partita, con iniziative degne di nota)

Diambo 5 Goffo e assai ingenuo il fallo da rigore che commette, vera pecca di una partita senza sussulti in positivo e con troppa approssimazione e confusione. Peccati di gioventù che può e deve limare perchè la stoffa c'è (75’ Frascatore 6 Entra per risistemare la fase di non possesso anche a livello tattico e non tradisce, nonostante da settimane radiomercato lo dia lontano da Pescara)

De Risio 6 Si vede che non ha ritmo partita e viene da una lunga assenza, un giallo lo condiziona ma paradossalmente cresce alla distanza. C'è tanta curiosità di vederlo con Pompetti al suo fianco, ma l'impatto iniziale è stato positivo  

Ferrari 8 Impiega meno di 150 secondi per timbrae il cartellino la prima volta, nel recupero sigla la doppietta personale che vuole dire doppia cifra di gol in stagione già raggiunta. In mezzo tanta lotta e tanto movimento, senza disdegnare la battuta a rete 

D’Ursi 5,5 Resta ancora il lontano parente dell'esterno che doveva far fare il salto di qualità al Pescara. La maledizione del gol lo ha colpito e non è stata sfatata nemmeno col Montevarchi. Ma anche per il resto non lascia il segno (87’ Delle Monache 6+ In una manciata di minuti dimostra perchè le big di A lo vogliono. Giovanissimo, ha un futuro importante a patto che non si monti la testa e resti umile)

Rauti 8 Nel momento più difficile tira fuori dal suo cilindro una doppietta bella e importante che indirizza l'inezia del match. Tante buone iniziative nel ruolo di esterno destro, dove deve ancora crescere. Ma se il buongiorno si vede dal mattino…..(65’Clemenza 6- Non era al meglio e probabilmente per questo parte dalla panchina. Fa vedere in parte le sue qualità nei pochi minuti di impiego)

Auteri 6+ Sceglie Rauti e indovina. Contro un Montevarchi coi cerotti (ben 9 indisponibili), però, la squadra ha momenti dove dimostra di non aver risolto i suoi problemi. Cambia il modulo due volte e porta a casa un buon successo, utile per classifica e morale. Sperando che dal mercato arrivi qualche buon regalo, inizia l'anno nel modo migliore: coi 3 punti

Commenti

Alla scoperta della pescarese Gaia Realini, astro nascente del ciclismo
Sebastiani: "Gli arabi? Come disse Galeone <<Pescara è come un film>>..."