Prima squadra

Empoli-Pescara 1-2, le pagelle dei biancazzurri

Machin dominante. Memushaj e Galano: classe cristallina

09.11.2019 22:07

A CURA DI ANDREA SACCHINI - 

 

Un Pescara dai 2 volti espugna 2-1 il Castellani di Empoli e ritrova finalmente continuità di risultati e prestazioni. Applausi per l'undici di Zauri, che dopo un primo tempo dominante dal punto di vista tecnico, tattico e fisico, tra il finale di prima frazione e la ripresa ha subito il veemente ritorno dell'Empoli. Toscani più volte vicini al 2-2 ma questa volta il muro di Bettella e compagni ha retto anche in trasferta riportando in riva all'Adriatico 3 punti importantissimi per classifica e morale. Sugli scudi come di consueto Machin, Galano e Memushaj. Prima marcatura tra i professionisti anche per Bettella, la cui rete ha spianato la strada al successo biancazzurro.

Kastrati 6: qualche errore in uscita, ma nei 90 minuti se la cava contro uno degli attacchi sulla carta più attrezzati della categoria. Poteva essere forse più reattivo in occasione del gol di Dezi, ma le principali colpe vanno addossate alla scarsa attenzione e marcatura dei suoi difensori.

Ciofani 6: scelto per dare maggiore copertura sulla fascia destra, l'ex Frosinone fa il suo senza strafare. Nullo nelle sovrapposizioni offensive sia per caratteristiche tecniche sia probabilmente per precisa indicazione del tecnico, dopo un primo tempo ha sofferto più volte la vivacità e gli inserimenti dell'ex Mancuso.

Bettella 7: sicuramente il migliore della retroguardia del Delfino. Dalle sue parti non si passa e dopo la gioia della rete del vantaggio su calcio d'angolo, l'ex Atalanta sfiora addirittura la doppietta da attaccante consumato a conferma (come indica il suo score nelle giovanili) di un particolare fiuto sotto porta. Inoltre è preciso negli anticipi e abile palla al piede nel costruire dal basso l'azione.

Scognamiglio 6: partita perfetta del gigante biancazzurro fatta di forza e attenzione fino al minuto 91, quando un suo svarione improvviso stava per regalare la beffa del 2-2 empolese: per fortuna dell'ex Bari, il pallone calciato in piena area da Mancuso ha terminato la propria corsa fuori dallo specchio della porta. 

Masciangelo 6,5: la prestazione del terzino di proprietà della Juventus ricalca alla perfezione quella del Pescara. Nel primo tempo la fascia sinistra d'attacco è il suo terreno di caccia ideale, fatto di inserimenti, sovrapposizioni e tagli a disorientare la difesa di casa. Nella ripresa l'Empoli cresce e sfiora più volte il pari e lui è costretto 45 minuti sulla difensiva tenendo egregiamente. 

Palmiero 6: non è ancora al 100% della condizione fisica e come ampiamente previsto alla vigilia, viene sostituito dopo pochi minuti dall'inizio del secondo tempo. Fino a quel momento ha comunque dato una mano importante a Memushaj in fase di copertura. Pochi però gli inserimenti per far male a Brignoli (dal 13'st Kastanos 6: entra e dà maggiore fisicità al centrocampo biancazzurro nel momento di massima pressione dell'attacco empolese. Utile il suo ingresso in campo).

Crecco 5,5: arruffone e spesso impreciso sia in fase di impostazione sia in fase del dunque sotto porta, l'ex Lazio è sicuramente l'unica nota veramente stonata del pomeriggio di festa biancazzurro. Chiamato per sostituire l'infortunato Busellato, avrà sicuramente in futuro altre chance per il riscatto e per farsi notare positivamente. 

Memushaj 7: è il solito faro a centrocampo del Delfino e si conferma in un momento psico-fisico eccezionale. La sua regia è alla base di ogni azione di ripartenza dei suoi e il suo piede sui calci piazzati è magico: anche ad Empoli un assist a referto per il gol dell'1-0 di Bettella. Sicuramente per il centrocampista albanese è fin qui la stagione migliore in carriera. 

Machin 7,5: dominante in ogni zona del campo, ogni azione offensiva passa per i suoi piedi e vive dei suoi strappi fatti di forza e velocità. Nel primo tempo, al cospetto non certo di una squadra composta da giocatori di bassa classifica, semina il panico e dà l'impressione di essere un giocatore già maturo per la Serie A. Suo l'assist per il 2-0 di Galano. Esce per un (si spera) piccolo fastidio muscolare (31'st Drudi 6: 15 minuti per blindare il risultato. Ci riesce grazie all'aiuto dei compagni di reparto oggi in giornata sì).

Galano 7: altro gol da aggiungere alla classifica marcatori e altra prestazione da elemento top di questa serie B. La sua velocità è una spina nel fianco nella difesa empolese e quando il suo apporto cala nella ripresa, l'Empoli non ne approfitta per piazzare il colpo del pari. 

Borrelli 5,5: ha un paio di buone chance in piena area di rigore senza però trovare la freddezza e lo spunto per fare secco Brignoli. Aiuta tanto i compagni in fase di non possesso palla con la sua fisicità e il sacrificio, ma dall'unica punta di ruolo è chiaro che ci si aspetta un apporto diverso. Da rivedere (dal 22'st Brunori 6: prova a colpire ma i suoi tentativi sono goffi e imprecisi. Pochi minuti per lasciare il segno anche per l'inerzia della gara tutta per l'Empoli nell'ultima mezz'ora).

Zauri 7: prepara la partita in maniera perfetta colpendo in contropiede e non dando tregua e spazio per ragionare a un Empoli in crisi dopo una lunga serie di risultati e prestazioni non positive. Dopo il punto del 2-1 la squadra inspiegabilmente si abbassa subendo troppo l'iniziativa dei padroni di casa. La vittoria però è meritata e frutto del suo buon lavoro nelle ultime settimane. 

Commenti

Federico Buffa a Francavilla
Machin e altri 6 biancazzurri volano in Nazionale