Prima squadra

Mercato: nuova triangolazione Inter-Atalanta-Pescara per Bettella?

FcinterNews.it non ha dubbi

10.10.2019 10:30

Da Milano non si hanno dubbi: a breve potrebbero esserci sviluppi molto interessanti per quanto concerne Davide Bettella. Lo riporta FcinterNews.it, portale tra i meglio informati sulle vicende interiste.

Ecco quanto riportato:

"Davide Bettella è un giocatore dell’Atalanta da giugno del 2018: dopo la trafila nelle giovanili nerazzurre, e la vittoria del campionato Primavera (con annessa Supercoppa), l’Inter lo ha ceduto al club bergamasco per circa 7 milioni di euro. Sul difensore classe 2000 c’era anche l’interesse della Spal, ma la Dea è stata più convincente perché ha messo sul piatto della trattativa un’offerta più importante. Bettella, poi, ha firmato un contratto fino a giugno del 2023 con il club di Percassi e ha militato nella Primavera orobica fino a gennaio 2019 (4 presenze e 2 gol). Nella finestra di mercato dello scorso gennaio, poi, la stessa Atalanta ha ceduto Bettella al Pescara in prestito biennale (diciotto mesi, fino a giugno 2020). Ad oggi, con la maglia degli abruzzesi il calciatore ha collezionato 9 presenze e un gol, mettendosi in luce come uno dei migliori 2000 nel torneo cadetto, soprattutto in questi primi due mesi iniziali di stagione.

L’Inter guarda con un certo interesse il percorso sportivo di Bettella, sia perché sul giocatore la società nerazzurra vanta un diritto di recompra fino a giugno prossimo (stimata tra i 9 e gli 11 milioni di euro), ma anche perché il cinquanta per cento di un’eventuale futura rivendita da parte del club orobico andrebbe proprio nella casse dell’Inter. E, secondo quanto raccolto da FcinterNews.it, quest’ultima ipotesi non è affatto remota. Il Pescara, infatti, potrebbe prendere in serie considerazione l’idea di acquistare le prestazioni del giocatore in via definitiva dall’Atalanta, soprattutto se a fine stagione dovesse approdare in A"

Commenti

Sosta, obiettivo #4: ritrovare le certezze perdute
Sansovini è "Sindaco" anche a Notaresco: «A 39 anni non sono finito»