Prima squadra

Pillon: "Il campionato si deciderà ad aprile. Catanzaro squadrone, ma il Pescara..."

Le parole del Baffo di Preganziol

18.11.2022 12:31

Durante la serata di TMW Radio, all’interno di “Piazza Affari”, con Cristiano Cesarini e Lucio Marinucci in conduzione, è intervenuto l’allenatore Giuseppe Pillon.

Partenza estremamente positiva del Pescara. Gli abruzzesi possono puntare alla promozione?
“Credo di sì, lo hanno dimostrato col gioco e coi fatti. Sappiamo tutti che il Catanzaro ha fatto uno squadrone, ma il campo dice che il Pescara è a 3 punti”.

Cosa è mancato lo scorso anno per puntare alla promozione nella passata stagione?
“È sempre difficile ripartire dalla C dopo la retrocessione dalla B. Questa squadra è costruita su misura per la categoria. Lescano su tutti, che io conosco dai tempi del San Benedetto. Ha grandi potenzialità e a Pescara le sta dimostrando”.

A livello di gioco è rimasto impressionato da mister Colombo?
“L’allenatore è molto bravo, organizza un bel calcio che è anche equilibrato. Il campionato di C è lungo e difficile. Catanzaro e Crotone hanno fatto un bel filotto, ma tutto si deciderà ad aprile”.

Colombo ha rappresentato una sorpresa per come in generale è strutturata la categoria della Serie C?
“Quando leggevi le rose di Crotone e Catanzaro pensavi che quelle due squadre avrebbero fatto il vuoto. Il Pescara ha anche recuperato il suo pubblico e questa è sicuramente una nota di merito anche dell’allenatore, che ha raccolto tante energie attorno alla rosa”.

Ci sono dei giovani che giocano poi stabilmente...
“Il Presidente Sebastiani ha sempre investito tanto sul vivaio e ha fatto molto bene. Bisogna tirare fuori dei giovani che ti diano la possibilità di salire di categoria”.

Come si crea un gruppo solido, come quello descritto da Sansovini in riferimento al Pescara?
“Alle volte l’alchimia nasce spontanea. Ti trovi dei gruppi che funzionano e remano tutti nella stessa direzione. Questo è aiutato a volte dai risultati”.

Commenti

Arriva il mese chiave
Dalla Giunta regionale oltre 4,3 milioni al Giro d'Italia