Prima squadra

Gli strepitosi numeri di un Pescara travolgente

Eppure davanti c'è un Catanzaro a dir poco fantascico finora

17.11.2022 00:01

Paradossalmente il Pescara da record, che vola e torna a far sognare, è solo secondo in classifica. Davanti c'è un Catanzaro semplicemente pazzesco finora, capace di totalizzare in 13 gare 35 punti senza essere mai sconfitto: 11 vittorie e 2 pareggi lo score giallorosso, frutto di ben 36 gol segnati ed appena 6 subiti. Una corsa eccezionale da parte della banda Vivarini, che in data 27 sarà di scena all'Adriatico per uno scontro diretto importantissimo per entrambe le squadre. Perchè? Perchè nonostante questo strepitoso cammino, il Delfino - atteso dal posticipo in casa della Turris prima della partitissima che già vale una fetta di regular season, ha numeri altrettanto ottimi. Un cammino da record, che mette il condottiero Alberto colombo avanti nelle statistiche a gente come Zeman e Delio Rossi (LEGGI QUI), anche se c'è da considerare che le due squadre di riferimento per il paragone giocavano in serie B e non in C. Ed è ben altro discorso…

Maveniamoai numeri del PEscara, assolutamente da lode. 

- seconda squadra per punti fatti dei 3 gironi di Serie C (60 squadre), chiaramente dietro il Catanzaro.

- secondo miglior attacco dei tre gironi di serie C (60 squadre), anche qui dietro Iemmello e soci.
- quarta miglior difesa dei tre gironi di serie C (60 squadre) 

- seconda miglior difesa del proprio girone (a -2 dalla prima, che è la miglior difesa dei tre gironi) ed un solo gol subito su azione in 13 partite.

-miglior rendimento esterno dei 3 gironi (5 vittorie ed un pareggio).

-Pescara col quarto miglior marcatore dei 3 gironi (60 squadre) con Lescano a 7 reti (-2 dal capocannoniere), che ha anche totalizzato 5 assist (ilsuo vice, vergani, va a segno ogni 72 minuti giocati, 3 reti in 216 minuti disputati in campionato)

- 12 punti in più e 10 reti al passivo in meno rispetto all'anno scorso con Auteri in panchina

Commenti

La "nuova vita" di Andrea Gessa
Designato l’arbitro di Turris-Pescara