Futsal

Quale futuro dopo l'addio di Barbarossa e del marchio Acqua&Sapone?

Tra poco si conoscerà il destino del principale team abruzzese

Redazione Ps24
07.06.2021 08:18

Sono giorni di attesa e fibrillazione nel futsal abruzzese. Dopo l'addio della famiglia Barbarossa e del marchio Acqua&Sapone alla disciplina, l'incertezza regna sovrana tra gli appassionati. Ma ovviamente qualcosa nella stanza dei bottoni già si è mossa e già nelle prossime ore potrebbero essere svelati programmi e progetti di quella che sarà la squadra erede di una corazzata che ha indelebilmente segnato gli ultimi 10 anni del calcio a 5 nazionale. Poche al momento le certezze, anche perchè i protagonisti preferiscono mantenere un profilo basso e non rilasciare dichiarazioni: l'attività sportiva continuerà, ma è facilmente presumibile che ci sarà un ridimensionamento (anche a livello di settore giovanile, con l'unica certezza oggi rappresentata dalla Under 19 che è obbligatoria per i club della massima serie).

 Il diretto coinvolgimento di Mazzocchetti della Colormax Pescara è il naturale approdo della nuova società, che dovrebbe chiamarsi Pescara Futsal ed avere come colori sociali il bianco e l'azzurro, ma con due diverse ipotesi in campo: allestire una squadra unica oppure due, la prima in A e la seconda in A2 con i giovani. Con David Marin ufficialmente confermato dal Saragozza e con Julio Velasco verso il Barcellona, la pista estera per la panchina inizia a perdere consistenza (restano in ballo, ma assai difficili, Julio Fernandez e Tiago Polido) e dunque il nuovo corso potrebbe davvero avere il volto di Saverio Palusci, icona del futsal abruzzese e artefice delle grandi imprese della Colormax, che allestirebbe il team con Tony Colatriano e Gabriele D'Egidio, a garantire continuità con il vecchio sodalizio. 

Del nucleo storico Acqua&Sapone, in riferimento al gruppo squadra, resteranno certamente Mammarella, Misael, Coco Wellington, Fusari e Dudù mentre a sorpresa potrebbe salutare Murilo, appetito in Liga. Lukaian sta per cedere alla corte del Genzano e Gui ha un ingaggio che se non venisse ritoccato verso il basso non sarebbe in linea con i nuovi parametri. Nella nuova equipe troveranno poi spazio i migliori elementi della Colormax che ha chiuso la stagione con la retrocessione. 

Commenti

Il pescarese Francesco Di Fulvio sul tetto d'Europa
Sebastiani: "Non siamo fermi, a breve le scelte. E..."