Prima squadra

Sebastiani: "Bocchetti resta, Repetto no"

Il presidente a TV6: “Ufficiali Auteri e Matteassi”

Redazione Ps24
18.06.2021 14:23

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE - 

Ora è praticamente ufficiale, anche se non c'è annuncio: Gaetano Auteri e Luca Matteassi sono rispettivamente il nuovo allenatore e ds del Pescara. Già da settimane le voci erano più che certe ma a dare la notizia è stato lo stesso Sebastiani a TV6. Giorgio Repetto non sarà confermato mentre Bocchetti assumerà la carica dello scouting. Nel pomeriggio di ieri sia il Bari che il Modena avevano annunciato le rispettive risoluzioni contrattuali dell’allenatore e ds. Queste le parole del presidente: “Auteri e Matteassi sono due nomi nuovi che comporranno la parte più importate della squadra, perché uno la costruirà la squadra e l’altro la allenerà. Entrambi sono al lavoro per guardare non solo coloro che abbiamo in casa ma anche per quello che potrebbe servire. Perché loro due? Quindici giorni fa, con Matteassi, ci fu un colloquio negli uffici di Bankosky, il nostro vicepresidente. Devo dire che ci ha fatto una bellissima impressione, molto competente e ci siamo trovate bene al primo incontro lasciandoci con una serie di allenatori che potessero fare al caso nostro, dicendogli che in questo momento il Pescara non può permettersi delle scommesse, nel senso prendere giovani emergenti ma avremo bisogno di certezze ed entrambi abbiamo pensato che in quella lista Auteri avesse queste caratteristiche che cerchiamo noi, ovvero un allenatore che conosce la categoria e l’ha già vinta. Via Repetto e Bocchetti? Come sapete non mi piacciono gli addii perché sono persone che io ho inserito in questa società. Repetto non ci sarà per il semplice motivo che non può essere comprimario a nessuno mentre Bocchetti farà la parte scouting, andando in giro, Covid permettendo, per vedere ragazzi. Cercheremo di recuperare il tempo perduto mandando una persona di nostra fiducia in giro. Gli obiettivi sono sempre ambiziosi, puoi riuscirci o meno. Sfido chiunque nel dire che all’inizio della scorsa stagione questa squadra sarebbe retrocessa. Alle volte puoi partire con tanti ambizioni però poi in campo ci vanno i giocatori ed i ragazzi dovranno metterci qualcosa in più e sotto questo punto di vista la Serie C è un campionato duro. Mi auguro di trovare alla base dei ragazzi che credano al nostro progetto, che vogliono dare tutto per riportare il Pescara dove merita. Auspicare nel girone B? Non auspico nulla perché di fatto si parlano di gironi pensando che alcuni possano essere più facili degli altri, invece ieri abbiamo assistito ad un’altra squadra del nord che ha conquistato la B a discapito di tante squadre del sud che sono ben attrezzate per lottare per questo ambizioso traguardo. Noi dobbiamo costruire una squadra buona e geograficamente dovremo giocare nel girone del centro ma aspetteremo e vedremo cosa accadrà.”

 

Commenti

Schira conferma: "Gli occhi della Juventus su un baby biancazzurro"
Sebastiani: "Serviva un cambiamento radicale”