Prima squadra

Mercato: tanti nomi sul taccuino biancazzurro

Sogni e idee concrete: iniziano le grandi manovre

04.12.2019 09:20

Al di là delle smentite di rito, le grandi manovre di mercato in vista di gennaio sono iniziate. Fari puntati essenzialmente in avanti, anche se serve un vice Palmiero e ci sarà tanto spazio per le uscite (ad esempio Cisco e Ingelsson, che torneranno risettivamente a Sassuolo e Udinese, o Brunori del quale vi abbiamo già parlato diffusamente). Per quanto concerne l'attacco, Il Centro ha fatto il punto tra sogni e realtà. Ecco quanto riportato dal quotidiano abruzzese: "Quello di Andrea La Mantia, che nelle ultime due settimane si è ritagliato uno spazio importante nel Lecce, sta segnando e difficilmente i salentini lo lasceranno partire. Quindi, l’elenco degli attaccanti nel mirino cambia un po’. Dopo aver ingaggiato il 18enne Nicolas Belloni dal River Plate, adesso il Delfino si focalizzerà sul Federico Melchiorri (Perugia), Gabriele Moncini (Spal) e Stefano Moreo (Empoli). Questa è la prima fila, poi dietro ci sono altri 4 nomi monitorati: Daniel Ciofani e Fabio Ceravolo della Cremonese, Nicola Citro del Frosinone e, soprattutto, Gennaro Tutino dell’Hellas Verona. I primi due, però, saranno avvicinabili solo se la squadra grigiorossa, al giro di boa, dovesse trovarsi sensibilmente staccata dalla zona play off. Allora, in questo caso, un tentativo il Pescara potrebbe farlo".

Ma non finisce qui, perchè vi abbiamo già parlato della situazione virtualmente in dirittura d'arrivo per l’esterno 20enne Claudiu Micovschi del Genoa e del milanista Maldini (difficilissimo, se non impossibile, il rossonero Gabbia). Gli ottimi rapporti col Parma, che possono portare a sviluppi in uscita su Borrelli, più che a Sprocati (nel modulo ad albero di Natale sarebbe penalizzato, Antonio Di Gaudio del Verona.) possono aprire il fronte Luca Siligardi, classe 1988vecchio obiettivo biancazzurro ora fuori rosa per scelta tecnica. Circa i baby, Il Centro riporta l'interesse per Samuele Mulattieri dell’Inter Primavera. Da Catanzaro, infine, può rientrare Elizalde

Commenti

Erano “Poveri ma belli". Ma vincenti
La storia di Stefano Mammarella diventa un libro