Prima squadra

Perugia-Pescara, Oddo sfida il suo passato

Per la prima volta il tecnico abruzzese affronterà i biancazzurri

27.11.2019 13:53

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE - 

Si avvicina Perugia-Pescara, un classico del campionato di Serie B tra due squadre che hanno voglia di sorprendere e puntare in alto. Massimo Oddo per la prima volta affronterà il Pescara. Il tecnico abruzzese è reduce da 2 sconfitte consecutive contro Cittadella e Pordenone, ibiancazzurrri di Zauri viaggiano al quarto posto in classifica a quota 20 punti, dopo aver ottenuto il terzo risultato utile consecutivo grazie alle vittorie contro Pisa ed Empoli e al pareggio interno contro la Cremonese di Baroni.

Sembra uno scherzo del destino che il calendario abbia messo sulla strada dei biancazzuri in serie 3 squadre guidate da ex allenatori, vale a dire Bucchi (esonerto dopo il 2-1 proprio contro il Pescara) Baroni e adesso Massimo Oddo, l'ultimo allenatore a portare il Pescara in Serie A nella stagione 2015-2016 grazie alle 30 perle di Gianluca Lapadula.

Negli ultimi anni Perugia e Pescara si sono incontrate in terra umbra ben 5 volte: 2 vittorie a favore dei grifoni, 1 pareggio e 2 successi biancazzurri. Nella stagione 2014-2015 la gara tra Grifoni e Delfini terminò con il risultato di 2-2: vantaggio biancazzurro con Memushaj, pareggio e sorpasso umbro con Falcinelli e Fossati, pareggio nei minuti finali di partita grazie a Maniero. Il secondo precedente è datato 26 maggio 2015 con il Pescara vittorioso nel primo turno eliminatorio dei play-off per 2-1 grazie alle marcature di Politano e Bjarnason. Il terzo precedente risale al 24 gennaio 2016: i biancazzurri di Oddo sfatarono il Curi con un sonoro 4-0 con le reti di Caprari, Lapadula, Benali ed un autogol di Rossi. Due stagioni dopo il Pescara perse per 4-2. I biancorossi andarono a segno con una doppietta di Di Carmine, Son e Monaco. Inutili le due reti degli abruzzesi di Brugman e Benali. L'ultima gara dispatata al Curi vide il Perugia vittorioso per 2-1 punito dagli ex Verre e Gyomber, a nulla servì il gol del momnetaneo 1-1 siglato da Melegoni.

Commenti

Erano “Poveri ma belli". Ma vincenti
Pedullà: "Borrelli richiesto in Bundesliga"