Prima squadra

Quale futuro per Marras senza Pillon?

Può seriamente partire. Ma a Il Centro l'ala dice che...

21.06.2019 00:15

In un attacco che sarà pesantemente rimodellato, l'unica certezza del Pescara a livello contrattuale è Manuel Marras. Ma senza il suo mentore Bepi Pillon, il futuro del giocatore è in bilico. La sua permanenza in riva all'Adriatico, infatti, non è scontata ed in B parecchie società di medio-basso livello stanno già assumendo informazioni. Il jolly offensivo si allena a Genova in attesa di riprendere ufficialmente l'attività agonistica dopo aver disputato 33 gare la scorsa stagione, condite però da 0 reti. Lo score sotto porta è stata la vera pecca di un'annata personale nel complesso più che positiva. 

Sulla sua conferma si deve quindi ancora decidere, dunque, intanto l'esterno ha parlato a Il Centro. Ecco il sunto delle sue principali dichiarazioni:

«A livello personale sono soddisfatto», le parole di Marras al quotidiano abruzzese, «mi sono misurato per la prima volta con il campionato cadetto e sono contento dello spazio che ho avuto. Purtroppo non ho realizzato neanche una rete e un po’ mi dispiace. So bene che un esterno offensivo titolare deve fare almeno cinque gol nell’arco di una stagione. Non mi arrendo, ci riproverò in futuro. Pillon chiede alle ali di dare costantemente una mano alla difesa e, al pari dei miei compagni, ho cercato di fare il massimo. Tuttavia, un po’ per sfortuna e un po’ per imprecisione non mi sono sbloccato. Eppure qualche gol ogni anno l’ho sempre fatto… L’eliminazione ci ha lasciato tanta amarezza. Potevamo fare di più, ma in generale abbiamo disputato un ottimo torneo. A differenza del girone di andata, in quello di ritorno siamo stati poco brillanti. Nella prima parte del torneo il nostro modo di giocare si è rivelato vincente. Difendevamo bene e facevamo male agli avversari con ripartenze veloci. A un certo punto c’è stato un calo fisiologico di alcuni elementi che avevano tirato la carretta per tutta la stagione. Anch’io ho sofferto un periodo. Poi abbiamo perso qualche giocatore per infortunio e il rendimento ne ha risentito. La verità è che eravamo una buona squadra, però rispetto ad altre tre o quattro ci mancava qualcosa». 
Il contratto di Marras scadrà a giugno 2020 e la società dovrà decidere se prolungarlo oppure lasciare il calciatore libero di firmare per un altro club dal 1° febbraio 2020. «Non ho ancora parlato con i dirigenti. A Pescara sto benissimo e, se servo, sono a disposizione».

Commenti

Quando Pescara era una festa
Torna a parlare Pillon, tra passato biancazzurro e futuro personale...