B Zona

Viali: "Per fare una grande partita col Pescara ci vuole un grande Cesena per 95 minuti"

La vigilia in casa Cesena

07.11.2021 10:15

Mister William Viali presenta così il big match del 'monday night' contro il Pescara: "Il nostro percorso iniziale rende questa partita ancora più importante, perché rimane un match d'alta classifica, quindi ancora più affascinante. Il Pescara è una squadra particolarmente qualitativa, l'abbiamo preparata bene come le altre su pregi e difetti dell'avversario. Ci teniamo a fare una partita importante, come tutte le domeniche, e portare a casa il massimo".

Il tecnico bianconero è consapevole della pericolosità in fase offensiva del Pescara: "E' una squadra da tenere il più lontano possibile dalla nostra area di rigore, perché questa qualità negli ultimi 20 metri porta grandi assist, 1 vs 1, tiri da lontano o comunque grande presenza in area di rigore con attaccanti strutturati fisicamente. Hanno una fase offensiva molto completa". Ma il Cesena, essendo tra l'altro la miglior difesa del girone, non può essere un avversario semplice per nessuno, d'altronde la posizione in classifica parla da sé: "Questo gruppo ha guadagnato questi punti figli di grande convinzione in quello che fa, di un percorso tecnico-tattico molto preciso e di un'anima straordinaria, una squadra che vuole sempre provare a fare qualcosa in più di quello che potrebbe", riporta CesenaToday.

Si preannuncia secondo Viali una gara diversa da quella vista contro la Pistoiese, entrambe le formazioni cercheranno di portare a casa l'intera posta in palio: "Sarà una partita che due squadre proveranno a vincere in ogni momento della gara. Per noi la preparazione della partita è sempre molto similare. In mezzo al campo le caratteristiche, salvo Brambilla che ha caratteristiche palesemente diverse da tutti, sono poi similari uno con l'altro. Rigoni-Steffè, Missiroli-Ilari, Steffè-Ardizzone... sono molto similari, non è che vadano a spostare così l'indirizzo di una gara con un'idea piuttosto che un'altra. E' una questione di coerenza rispetto a quello che vedo in settimana, rispetto al percorso della squadra. Darò continuità al lavoro che stiamo facendo, con gran serenità, anche perché una partita si può provare a vincerla al primo minuto, al 60' e dopo. Sicuramente per fare una grande partita col Pescara ci vuole un grande Cesena per 95 minuti, questo è palese al di là di chi farà i primi 60 o gli ultimi 30".
 

Pierini ancora titolare? "La possibilità c'è, ma alla squadra non ho dato formazione. Io da lunedì a venerdì alleno tutti i giocatori da titolari. Poi è chiaro che al dunque arriverò io a fare le mie scelte". L'ex Modena e Sassuolo, con la maglia numero 10 sulle spalle, può certamente crescere di rendimento per quelle che sono le sue importanti qualità. "Sono sicuro che lui sia il primo ad aspettarsi più da se stesso - commenta Viali - ma non deve farlo con l'ansia di dover fare la differenza o determinare, ma con la consapevolezza di dover migliorare nel lavoro ogni settimana, nei tempi di gioco e nell'essere più continuo nelle giocate. Ha qualità sia fisiche che tecniche che non c'entrano niente con questa categoria, deve fare solo il salto di qualità nella continuità di azione. Lui è il primo che lo sa e ne parliamo spesso in settimana, ci stiamo lavorando. Ma con grande serenità, non deve avere nessuna responsabilità in più di quelle dei propri compagni, che è quella di fare il massimo per farsi scegliere e per poi, da scelto, determinare il risultato della nostra squadra".

Commenti

Pescara 1992-93, vi ricordate tutti i giocatori?
Auteri: "Cesena nodo importante. Dobbiamo fare punti"