Altri sport

Dario Cataldo: “Vi racconto il mio amore per lo sport”

Anteprima nazionale a Pescara in occasione del Giro 2022

18.05.2022 00:01

Nella tre giorni tutta abruzzese del Giro, ci sono stati tanti, tantissimi eventi. Tra questi, una presentazione di un volume scritto da uno dei girini, amatissimo nel suo Abruzzo. Una platea di studenti delle scuole superiori pescaresi, la presenza di uno special guest come Marco Scarponi, della Fondazione Michele Scarponi, e l’adrenalina in circolo nelle ore di riposo tra una tappa e l’altra: con questo scenario Dario Cataldo ha presentato il libro scritto a quattro mani con Luigi Milozzi, “60 Secondi”, edito da Hatria Edizioni e in uscita nei prossimi mesi.

Un’anteprima nazionale che ha avuto Pescara come tappa, nel giorno di riposo del Giro, prima che la carovana si rimettesse in viaggio – poche ore fa – per risalire lo Stivale.

“E’ stato il frutto di tanti pensieri e tante riflessioni – ha detto Cataldo, che difende i colori della Trek Segafredo dell’attuale maglia rosa Lopez – sul mio modo di vivere lo sport, sulle emozioni vissute in prima persona e quelle che ho visto negli occhi di chi aspetta per ore in cima ad una montagna solo per vederti passare per pochi secondi. La scuola di vita dello sport, che mi ha fatto crescere come atleta e come persona, è uno strumento che mi auguro venga usato con saggezza per formare le nuove generazioni. Sono stato trascinato in questo progetto da Luigi Milozzi, paziente nel sapermi ascoltare e sapiente nel plasmare tutte queste idee in un racconto”.

Una storia di vita, prima ancora che di sport. Di emozioni e di valori. Il 37enne Cataldo si racconta, partendo da un ricordo d’infanzia legato alla partenza di una tappa del Giro d’Italia da Lanciano nel 1997, vissuta seduto sulle spalle del papà per dare vita ad un’opera particolare e per certi versi fuori dagli schemi tradizionali della narrativa sportiva.

Il titolo cita la poesia “Se” dell’inglese Kipling. “Con un istante del valore di sessanta secondi, Tua sarà la Terra e tutto ciò che è in essa, E — quel che più conta — sarai un Uomo, figlio mio!”. Ogni capitolo segna lo scandire dei secondi di un minuto: 5, 10, 15... fino a 60, prima di un ultimo capitolo conclusivo chiamato “Tempi supplementari”. Il tempo che scorre sul cronometro, capitolo per capitolo, sarà accompagnato dai versi di una poesia dedicata al ciclista di Miglianico, scritta da un compositore di fama nazionale, Alfredo Scogna, che vanta collaborazioni con i grandi della musica italiana, da Ivano Fossati a tanti altri. Tanti gli interventi di pregio dal mondo del pedale italiano: tra questi Vincenzo Nibali, Davide Cassani, Daniele Bennati, Fabio Aru, Alessandro Vanotti e tanti altri, oltre ad un racconto emozionante sul collega colombiano Miguel Angel Lopez.

Curiosità: la copertina del libro è stata realizzata dallo stesso Cataldo, da sempre appassionato di pittura e abile disegnatore. “Una passione che avevo accantonato troppo presto, questo libro mi ha dato un’occasione per riscoprirla”, ha rivelato il ciclista chietino agli studenti.

Commenti

Grandi vittorie e una retrocessione amara: il Pescara 1992-93
Pescara-Jesi nella storia: vince l'eritreo Girmay !