Prima squadra

Auteri: "Resettiamo e ripartiamo per un progetto con obiettivi importanti"

Presentato il nuovo tecnico biancazzurro per il 2021-22

Redazione Ps24
07.07.2021 15:31

E' giorno di presentazioni in casa Pescara. A Ekk Hotel il presidente Daniele Sebastiani ha presentato Gaetano Auteri e Luca Matteassi, rispettivamente allenatore e nuovo d.s. biancazzurri per la nuova stagione.

Ecco quanto dichiarato in conferenza stampa dal tecnico AUTERI: "Si potrebbero dire tante cose, ma lascerebbero il tempo che trovano. Dobbiamo lavorare e farlo da subito, vedo l'ambiente un po' depresso e sfiduciato e cercheremo di trascinarlo con il nostro entusiasmo. Resettiamo tutto, bisogna ricostruire un progetto tornando ad essere coesi e coerenti per ottenere gli obiettivi che abbiamo. Chiedo correttezza, non intendo perseguire gli interessi personali ma quelli della mia società. Valutateci per quello che faremo in campo. E basta. Il presidente ha chiesto di ricostruire un progetto, tutti vogliamo vincere. Non è utile accontentarsi ma misurarsi sul campo. Giocheremo per essere la migliore gara dopo gara, non dico che dobbiamo vincere il campionato ma lavoreremo per provare ad essere i migliori. Non chiediamo fiducia a scatola chiusa, dovremo essere noi bravi a dimostrare attaccamento alla maglio. Io sono il responsabile del gruppo squadra e daremo il massimo. Chi resta? La sfera delle strategie di mercato non li competono, sappiamo chi sono i giocatori funzionali ma ci sono anche dinamiche di mercato da valutare  Ci sono giocatori che hanno certamente qualità, ma ora ha poco senso fare nomi. Vogliamo ripartire dagli elementi che riteniamo utili al progetto tra coloro che erano qua, integrati da elementi funzionali. Abbiamo scelto dei giocatori ma ripeto che ora fare nomi non serve.
Il sistema di gioco? Partiremo dalle linee guida, ma i numeri lasciano il tempo che trovano. Giocheremo un calcio propositivo, dovremo vincere per merito sul campo e non per episodi. Costruire, creare e non concedere: così si vinceranno tante partite, non speculando e buttando palla in tribuna. Il girone? Il calcio è uguale a tutti i livelli, al sud possono cambiare i campi ma non esiste grossa differenza. Il
mercato non sarà fatto in base al girone. Sulla carta il girone C ha tante realtà di prestigio, noi dobbiamo solo pensare a lavorare"

Commenti

Gravina e tante stelle dello sport al Festival Rocky Marciano
Riaperture stadi in C, domande di iscrizioni e gironi: le ultime