Prima squadra

Grassadonia: "Una mazzata pesante. Su Sorensen, Drudi e il futuro dico..."

L'analisi del tecnico al pesantissimo ko interno nello scontro salvezza

Redazione Ps24
16.03.2021 23:21

Mister Gianluca Grassadonia non si vuole arrendere. E non potrebbe essere altrimenti. Ma a 9 gare da fine regular season la situazione è drammatica dopo il ko in extremis nello scontro diretto con l'Ascoli. Così il tecnico in conferenza stampa:

“Non è stato un buon primo tempo da parte nostra, non siamo riusciti a fare quello che dovevamo anche per merito dell'Ascoli che era molto aggressivo e noi abbiamo prodotto poco. Perchè Sorensen? Drudi non sta bene e non era in condizione di giocare, ha avuto un problema al ginocchio ieri. Ma non butterei la croce addosso a Sorensen. I ragazzi hanno dato tutto, purtroppo ci sono stati errori importanti sul 2-2. E quel gol ha cambiato la partita. Dovevamo fare cose diverse in fase di possesso nel primo tempo, nel secondo abbiamo fatto meglio, facendo quel che bisognava. Abbiamo provato anche a vincerla, dispiace prendere un gol a 1 minuto e mezzo dalla fine perchè il danno è stato importante. Il pareggio ci stava tutto, è una mazzata pesante e dobbiamo ripartite. La classifica è brutta ma non ci condanna ancora. Ripartiamo con grande convinzione, ci sono 9 gare ma è una sconfitta pesante. Siamo tutti sulla stessa barca, abbiamo tutti le nostre responsabilità, ma la squadra ha dato tutto quello che aveva. Ripartiamo da domani, il tempo non ci aiuta ma dobbiamo ottimizzare il tempo a disposizione. A Vicenza faremo la partita della vita, quella che non ci è riuscita stasera. Dobbiamo guardare avanti. Sapevamo che stasera era una partita molto importante, non decisiva, dobbiamo assorbire questo ko il prima possibile perchè 5 punti non sono un'eternità. Dobbiamo gettare il cuore oltre l'ostacolo, abbiamo sbagliato il primo tempo ma nel secondo lo abbiamo fatto”

Commenti

Il weekend di Pasqua dei biancazzurri: Venerdì Santo col Pisa, a Pasquetta a Monza
Bocchetti: "Ci dobbiamo rialzare per forza"