Prima squadra

Sebastiani: “Partita da 'Mai dire Gol'. Nel secondo tempo la squadra era da prendere a schiaffi”

Tutta l'amarezza del patron biancazzurro nel post-gara

02.12.2017 18:08

A CURA DI DANIELE BERARDI -  Un Delfino a due facce riesce a strappare il punto dopo una partita a dir poco pirotecnica, contro una Ternana mai doma. Dopo una prima frazione da sballo, il blackout del secondo tempo ha mandato tutti fuori giri compromettendo il risultato finale. Il presidente Daniele Sebastiani, ai microfoni di Rete8 Sport, ha espresso tutta la sua delusione per la prestazione dei suoi nei secondi 45 minuti: “Abbiamo fatto tutto da soli, dando alla Ternana la possibilità di recriminare. E' stata una partita da 'Mai dire gol'. C'è da dire che il loro secondo gol probabilmente è stato viziato da un fallo su Fornasier, ma non si possono buttare le partite in questo modo. Dopo i primi dieci minuti del secondo tempo la squadra era da prendere a schiaffi”.

Duro e schietto come al solito il patron del Pescara, che tuttavia riesce anche a cogliere sprazzi di positività dal pareggio dell'Adriatico: “Primo tempo, ovviamente, da incorniciare. Poi salvo solo la reazione degli ultimi minuti, ma non si può rientrare in campo in quella maniera. Bisogna cambiare atteggiamento, se qualcuno non ha voglia si faccia da parte. La società lavora giorno e notte per poi assistere a questi cali di tensione inconcepibili. C'è grande amarezza, ma la colpa è di tutti. Acquisizione del Poggio? Abbiamo firmato le carte, ma ci sono ancora alcuni aspetti da definire”.

Commenti

Le frasi più famose di Gomorra "tradotte" in abruzzese
Zeman: “Troppo passivi nella ripresa. Fiorillo-Zampano? Cose di campo”