Pallanuoto

Di Fulvio & Pomilio: l'Italia Campione del Mondo parla pescarese!

E nella truppa azzurra il preparatore dei portieri è Volarevic del Pescara Pallanuoto

27.07.2019 16:36

C'è una firma pescarese in calce all'Oro Mondiale dell'Italia, il quarto nella storia. Francesco Di Fulvio, figlio e fratello d'arte nato e cresciuto a Pescara, è stato uno dei perni della vittoria del Settebello Azzurro alla rassegna iridata a Gwangju, in Corea del Sud. Nella finale contro la Spagna, vinta per 10-5 (2-2, 3-1, 3-1 e 2-1 i parziali), Di Fulvio è andato in rete nel terzo quarto a firmare il momentaneo 8-3 ed ha portato a dieci le marcature personali nella rassegna che riporta l'Italia sul tetto del mondo 8 anni dopo Shangai 2011. Di Fulvio è stato il fulcro della Nazionale del ct Aessandro Campagna ed è stato decisivo con una tripletta nel 12-10 in semifinale contro l'Ungheria, che ha permesso alla selezione tricolore di staccare il pass per i Giochi Olimpici del prossimo anno a Tokyo. Un vero e proprio trascinatore il campione pescarese della Pro Recco, club con il quale ha firmato nelle scorse settimane un biennale che porterà a 7 gli anni di militanza in Liguria dove ha vinto 5 scudetti, 4 Coppe Italia ed 1 Supercoppa Len. Dopo il bronzo olimpico a Rio 2016 e quello agli Europei di Budapest nel 2014, Di Fulvio arricchisce il suo personale palmarès azzurro con una medaglia del metallo più prezioso nell'appuntamento che aveva messo nel mirino da tempo. “Vogliamo l'oro”, aveva detto in tempi non sospetti. Ed oro è stato dopo una finale dominata dall'Italia, che cancella il ko nella semifinale dell'Europeo 2018 proprio per mano degli iberici. Non solo Di Fulvio, però, la spedizione in Corea del Sud della Nazionale aveva altri due volti noti della pallanuoto abruzzese: Amedeo Pomilio, vice ct e vecchia gloria della pallanuoto pescarese e azzurra (e figlio di Gabriele), e il preparatore dei portieri Goran Volarevic, estremo difensore del Pescara in serie A2.

 

Commenti

Niente D per il Francavilla. E ora?
Kanoutè verso Cosenza. In programma altre cessioni