Prima squadra

Pescara - Ciofani alla stretta finale: dentro o fuori

Dall'Olanda: anche il Pescara su Verdonk del Feyenoord

30.01.2019 08:47

Oggi è molto probabilmente la giornata chiave, perchè nelle intenzioni del Pescara c'è quella di non presentarsi alle ultime 24 ore di trattative con l'acqua alla gola. Tra Daniel Ciofani e il Pescara, insomma, può davvero essere oggi il giorno decisivo. Sebastiani è da ieri a Milano ed ha avuto già un primo contatto fecondo col Frosinone. I biancazzurri rileverebbero il contratto in esere del giocatore e lo terranno in riva all'Adriatico, aggiungendolo al fratello Matteo, per i prossimi due anni e mezzo. La volontà dell'abruzzese Ciofani di tornare nel club che lo ha svezzato per ricongiungersi al fratello c'è: sa che a Frosinone non ha più spazio e Pescara è la meta preferita. Deve però assumersi davanti all'opinione pubblica ciociara la "responsabilità" della separazione, punto sul quale il club di Stirpe non transige. Sulla valutazione del cartellino, invece, si può lavorare perchè i rapporti tra le società sono molto solidi: si parte da una valutazione tra 800mila ed un milione di euro, ma è assolutamente limabile. Ad esempio mediante la formula del prestito oneroso a circa 300mila euro con obbligo di riscatto fissato più o meno alla stessa cifra o poco più. Oggi previsto un nuovo incontro, probabilmente decisivo. L'avvocato Rodella, che cura gli interessi del centravanti, è irreperibile per i giornalisti pescaresi mentre fino a qualche giorno fa si era dimostrato disponibilissimo: un segnale?

Intanto oggi a Milano salirà anche Giorgio Repetto, che proverà a tenere in caldo il nome alternativo rappresentato da Melchiorri.

Dall'Olanda rimbalza in Italia, dove è stata ripresa da calciomercato.com, una voce: Pescara in lizza col Palermo per Calvin Verdonk, difensore olandese del Feyenoord. Il classe ’97 può giocare sia da centrale che da terzino sinistro ma appare una pista parecchio complicata

HA COLLABORATO MATTEO SBORGIA 

Commenti

Donnarumma, rimpianto e spauracchio, guida le Rondinelle all'Adriatico
Scatta l'allarme: tre biancazzurri in dubbio