Prima squadra

Delfino beffato nel recupero quando era avanti di due reti: Padova-Pescara 2-2

Il recupero del match rinviato per pioggia è andato così.....

02.10.2018 16:38

Finale choc. Avanti di due reti, il Pescara dal 90' si fa rimontare e perde la ghiotta occasione per issarsi solitario al primo posto in classifica. Cisco al 90' e Cappelletti al 94' vanificano le reti di Brugman nel primo tempo su punizione e di Mancuso su rigore nella ripresa. Che beffa!

La gara. Giove Pluvio ha deciso per una pausa e dunque si può giocare. Pillon e Bisoli confermano integralmente le scelte di ieri sera. Il Pescara anti Padova e lo stesso che nell'infrasettimanale ha battuto il Cotone, mentre i veneti cambiano modulo (passano dal 3-5-2 al 4-3-1-2) e si affidano in avanti al tandem Bonazzoli-Clemenza, che tanto piaceva in estate a Sebastiani e Leone. 

Terreno in perfette condizioni e già questa è una notizia dopo il nubifragio di ieri. Pochi, però, i tifosi sugli spalti, penalizzati dall'orario pomeridiano di un giorno feriale. 

Più Pescara che non Padova in avvio, ma i buoni frasegi dei biancazzurri, oggi in tenuta arancione da trasferta, si infrangono sul muro biancoscudato eretto da Bisoli a protezione di Merelli. La prima vera occasione del match è di marca pescarese, inevitabilmente, con Mancuso che in contropiede si produce in un diagonale che però non impensierisce il portiere di casa. L'unico che sembra poter creare grattacapi in casa Pescara è Clemenza, ma il fantasista non appare ben supportato e l'esperta difesa abruzzese (il solo Gravillon è giovanissimo) riesce bene a contenerlo. La risposta padovana è affidata all'esperto Nico Pulzetti, che con un insidiosissimo tiro a giro conclude pericolosamente, ma non in modo vincente, un break di Mazzocco, che aveva rubato palla e poi ribaltato l'azione (23'). Al 26' Pescara in vantaggio: il merito è di capitan Gaston Brugman che si rende artefice, direttamente da calcio di punizione, di un capolavoro balistico che non lascia scampo a Merelli. Una pennellata che può valere il primato. Ma è ancora lunga e ora inevitabilmente cambia il copione del match, con il Padova che dovrà scoprirsi per recuperare il punteggio. Solo al 37' i biancorossi si fanno vedere dalle parti di Fiorillo, con il solo Clemenza che però da fuori calcia alto e chiede una deviazione che la terna arbitrale non concede. Non accade altro degno di nota e le squadre vanno all'intevallo con il Pescara meritatamente in vantaggio.

Bisoli ripresenta il Padova con Cisco, una punta, al posto di Pulzetti, un centrocampista. Ma è il Pescara a raddoppiare al 4'. Trevisan affossa Mancuso in area e per Volpi non c'è dubbio: è rigore. Dal dischetto lo stesso Mancuso non sbaglia  e fa 2-0. Al minuto 8', Fiorillo super, con l'ausilio della traversa, a dire no al nuovo entrato Cisco che in contropiede si era portato a tu per tu con l'estremo ospite e poteva riparire la gara. Bisoli inserisce anche Minesso ma ormai l'inerzia del match appare indirizzata. Al 66' l'infortunato Antonucci lascia il posto a Capone. I biancazzurri gestiscono bene il doppio vantaggio, contengono le sfuriate della banda di Bisoli e si propone con personalità in avanti come al 71' quando su imbucata di Machin il solito Mancuso ha la palla prr il tris che però sciupa. Il forcing padovano è dettato più dalla forza dei nervi che dalla lucidità e dunque Memushaj e compagnia possono giocare sul velluto. O quasi. Entra anche Crecco nel Pescara a blindare il successo che Cisco all 90' rimette in discussione con un bel gol da fuori. Nel recupero Minesso ha la palla buona per il pari, ma calcia malamente. Fiorillo al 93' ricaccia dalla sua porta un pallone che sembrava già dentro nel veemente assedio finale. Ma questo Pescara ha cuore e carattere. Ma la beffa è dietro l'angolo e al 94' Cappelletti spegne il sogno pescarese e griffa un insperato 2-2

E adesso testa alla partitissima di sabato con il Benevento!

È già  scattata la prevendita per Pescara-Benevento: QUI TUTTE LE INFO

Già esaurito il settore ospiti: LEGGI QUI

IL TABELLINO: 

PADOVA-PESCARA 2-2

MARCATORI: 26' Brugman (PE), 49' su rig. Mancuso (PE), 90' Cisco (PD), 94'Cappelletti (PD)

PADOVA (4-3-1-2): Merelli, Contessa, Trevisan, Capelli, Broh, Mazzocco, Cappelletti, Mandorlini (59' Minesso), Pulzetti (46' Cisco), Bonazzoli, Clemenza (74' Capello). In Panchina: Perisan, Serena, Ceccaroni, Guidone, Sarno, Zambataro, Ravanelli, Belingheri, Salviato. Allenatore: Bisoli

PESCARA (4-3-3) : Fiorillo, Balzano, Campagnaro, Del Grosso, Gravillon, Memushaj, Machin(80' Crecco), Brugman, Marras, Mancuso, Antonucci (66' Capone). In Panchina: Kastrati, Monachello, Fornasier, Elizalde, Cocco, Perrotta, Melegoni, Del Sole, Kanoute, Ciofani. Allenatore: Pillon

Ammoniti: Mazzocco, Trevisan, Capelli  (PD), Brugman, Fiorillo (PE)

Arbitro: Volpi di Arezzo

Assistenti: Michele Grossi di Frosinone e Francesco Fiore di Barletta con Marco Piccinini di Forlì quarto uomo

Intanto è scattata la prevendita per Pescara-Benevento: QUI TUTTE LE INFO

Già esaurito il settore ospiti: LEGGI QUI

Commenti

Codice di condotta della Società: approvato il Sistema di Gradimento
Pillon: "Sono incazzato, mi rode"