Futsal

L'Abruzzo del futsal ritrova una seconda squadra in A: è il Civitella

Un sogno, una cosa incredibile, per un paese di 1792 abitanti nell'entroterra pescarese

14.04.2018 19:52

Abruzzo in festa. Dopo aver perso il Pescara per le ormai note vicende, la Regione ritrova subito una seconda squadra nella massima serie: è il Civitella. Ci è voluta l’ultima giornata per sancire la promozione del dantesco girone A di #SerieA2Futsal, ma alla fine il Civitella Sicurezza può esultare. Il roster di Palusci non sbaglia in casa contro il tranquillo Bubi Merano. Una partita senza storia che Dodò e doppio Gabriel Carvalho chiudono dopo poco più di 13′ effettivi; Guga, Borsato e Jelavic fissano il punteggio di metà tempo sull’eloquente 5-1. Nella ripresa passerella abruzzese: finisce 8-2 e inizia la festa promozione.

A Civitella Casanova è scattato il party:  l'ultima sirena dell'anno la squadra si è dunque guadagnata l'accesso al campionato di Serie A, senza la necessità di dover passare dai PlayOff. Un sogno, una cosa incredibile, per un paese di 1792 abitanti nell'entroterra pescarese.

La società nata nel 2002 dall'idea di un gruppo di amici festeggia qualcosa di impensabile all'inizio di questa avventura. Un campionato diputato ai vertici fin dall'inizio, nonostante la penalizzazione di 4 punti inflitta in avvio di stagione, ridotti in seguito a 2.

Il titolo virtuale di Campione d'Inverno al giro di boa, la leggera flessione in avvio di girone di ritorno, e la lunga striscia di risultati utili consecutivi che hanno permesso alla truppa di Mister Saverio Palusci di resistere al rientro rabbioso dell'Arzignano, staccando turno dopo turno le ostiche dirette avversarie, quali Carrè Chiuppano, Orte e Città di Sestu. L'ultimo sforzo ha coronato davvero questa lunga corsa.Sabato 14 Aprile 2018: una data che a Civitella Casanova potrà essere ricordata per sempre.

Foto: Divisione Calcio a 5

Commenti

20-04-2012, Padova - Pescara 0-6. Sebastiani: "Senza Perin sarebbe finita 13-0"
Striscione di solidarietà in Curva Nord per Munster