Prima squadra

Torna a parlare Giorgio Repetto

Lo ha fatto nei giorni scorsi a Il Centro

24.02.2019 08:38

Non parlava dalla chiusura del calciomercato invernale, è tornato a farlo nei giorni scorsi in una interessante intervista. Giorgio Repetto ha detto cose importanti a Il Centro prima del match contro il Padova, ecco le sue principali dichiarazioni:

«Nel Pescara ci sono ragazzi che hanno giocato più di una volta facendo ricorso nel pre-partita agli antidolorici. Nessuno si è mai tirato indietro, tutti stanno dimostrando un attaccamento alla maglia incredibile. Mi tengo stretto il gruppo di “vecchietti”. A Fiorillo, Balzano, Campagnaro e Memushaj, rappresentanti della vecchia guardia, si sono aggiunti Del Grosso, Scognamiglio, Ciofani e poi Bruno che hanno una professionalità invidiabile. E c’è Brugman, il nostro capitano, che dovrebbe essere ambìto da squadre di medio-alta classifica di A. Cito lui in particolare perché, essendo nato nel 1992, ha ancora la possibilità di affermarsi nella massima serie. A volte il calcio è incomprensibile. Gaston potrebbe giocare tranquillamente alla Fiorentina, alla Samp o al Genoa. E che dire sui giovani? Tutti lavorano con enorme dedizione e sono convinto che faranno una grande carriera. Grandi meriti a Pillon che sta facendo un lavoro pazzesco. Come ha detto l’allenatore, ora pensiamo ad arrivare a 55-56 punti, una quota sufficiente per entrare nei play off. Siamo sempre stati dentro la griglia e sarebbe un peccato uscire. La promozione diretta? Facciamo un passo per volta, ma credo che serviranno almeno 63 punti per arrivare al primo o al secondo posto. Io sono fiero di questo Pescara e credo che meriti uno stadio pieno. Con la curva Nord c’è un bel feeling e speriamo che allo zoccolo duro si aggiungano presto tanti altri tifosi»

 

Commenti

Il Pescara di Galeone, storie di provincia
Pescara-Padova, ecco le formazioni ufficiali