Prima squadra

Quale modulo contro il Palermo? E chi al posto di Marras?

I dilemmi della vigilia in casa Delfino

02.04.2019 00:16

Ancora una volta uno scontro diretto fallito, perdendo anche il vantaggio nella differenza reti in un ipotetico arrivo appaiato, e all'orizzonte un'altra partitissima: quella col Palermo. Stavolta in casa, all'Adriatico-Cornacchia, dove si è celebrata l'ultima vittoria il 3 marzo sullo Spezia (2-0) e dove il Delfino ha costruito le sue fortune.

Il Pescara a Lecce ha sbagliato atteggiamento mentale e tattico, mostrando anche una condizione atletica non ottimale nonostante abbia lavorato duramente durante la sosta. Urge cambiare immediatamente rotta, per non vanificare quanto di buono fatto finora. 

Ma ci sono tanti dilemmi in vista della sfida al Palermo, che salirà a Pescara in piena emergenza (almeno 6 assenze pesanti tra i rosanero). C'è da sostituire lo squalificato Marras ed i nomi possibili sono tanti: da Monachello a Bellini, da Sottil a Del Sole passando per Antonucci e Capone. Ma tutto dipenderà da quale modulo adotterà mister Pillon, non esente da colpe in questo periodo non positivo della sua truppa esattamente come era stato in precedenza protagonista con intuizioni felici del momento d'oro. Il tecnico sceglierà il 4-3-3, il 4-1-3-1, il 4-3-1-2 o il 3-5-2? Molto dipenderà da come vorrà impiegare Burgman, se da play, da trequartista o addirittura da mezz'ala. E c'è anche da fare i conti con una linea mediana che ha gli uomini contati dopo l'infortunio di Melegoni e con l'abbondanza di difensori. Forse si cambierà ancora una volta assetto, con un 5-3-2 che consenta di avere Brugman in cabina di regia e una punta di struttura al fianco di Mancuso, avendo uomini di gamba e tecnica in panchina pronti a subentrare per spaccare la partita. Chissà..

Commenti

Pescara-Juventus 5-1: quando Allegri affondò la Vecchia Signora
L’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive: la determinazione per Ascoli-Pescara