Futsal

Derby d'Abruzzo al debutto, Civitella senza paure. Palusci: "E' la partita migliore che potesse capitarci"

Parla il tecnico della neopromossa in A, attesa dal derby abruzzese con l'AcquaeSapone

25.09.2018 00:07

Niente paura. Il Civitella di Saverio Palusci  arriva in Serie A con l’obiettivo di restarci, dopo l’entusiasmante promozione della scorsa stagione, ed è attesa dal più terribile dei debutti: il derby con i campioni d'Italia e detentori della Coppa Italia, ovvero l'AcquaeSapone che a breve debutterà in Champions League. Ma la matricola non vuole fare la parte dell'agnello sacrificale sull'altare delle ambizioni nerazzurre.

"Sono molto emozionante, è un'attesa che dura da tanto, forse troppo perchè il nostro campionato precedente è finito ad aprile. Eravamo matricola in A2 ed abbiamo fatto qualcoa di eccezionale, il fatto ora di poterci confrontare con le massime realtà di questo sport in Italia ci mette e mi mette emozione, pressione ma anche consapevolezza che dobbiamo fare bene", ha dichiarato mister Saverio Palusci a  PescaraSport24. Si ispira a Corrado Roma, a Lopez, a Fulvio Colini e Antonio Ricci: "Ho avuto la fortuna di essere allenato da grandi allenatori quando ero calciatore, gli ultimi anni di carriera chiaramente sono quelli che mi hanno più ispirato e più insegnato. La marcatura individuale di Colini, ad esempio, pur con qualcosa di diverso, la apllichiamo anche noi". Eppure il super debutto è alle porte: "Vivo tutto con serenità, con emozione ma pur sempre sereno. Ne sanno qualcosa in famiglia..." sorride.

Dalle amichevoli non ha tratto indicazioni scolpite sulla pietra: "Abbiamo messo minuti sulle gambe ma le amichevoli sono pur sempre partite che danno ritmo ma non sono attendibili, sia quelle che non vanno come vorresti sia quelle nelle quali credi di vedere qualcosa di positivo. L'importante è allenarsi con l'intensità giusta", continua Palusci a PS24, "anche se abbiamo avuto sin dall'inizio della preparazione tanti infortuni che non ci hanno permesso di avere l'intesiità che volevamo. Ma siamo pronti. Il calendario? Qualunque squadra avremmo pescato sarebbe stata difficile, ma non sarà impossibile affrontare nessuno. L'AcquaeSapone ha fatto acquisti mirati, non hanno comprato tanto per comprare: hanno preso l'argentino più forte in circolazione, che è un mancino che serviva, hanno preso l'italiano più forte in circolazione e Avellino che tutti conosciamo e che nel campionato italiano è un top player. L'AcquaeSapone è una grandissima squadra, insomma, con un grandissimo tecnico ed una grandissima società alle spalle. Lo sport però è bello perchè non c'è nulla di scontato, sono convinto che sarà una bella partita ed una grande festa dello sport in un derby abruzzese all'insegna del fair play e del palazzetto pieno. E sono convinto che sarà una partita vera".

Di certo, vista da fuori, affrontare subito i cugini nerazzurri non è il masimo della vita per una neopromossa: "Probabilmente è la partita più bella che ci potesse capitare, con un palazzetto pieno e contro la squadra più forte", replica il coach, "ed è il miglior debutto che ci poteva capitare". 

 

Commenti

Fiorillo: "Pescara è la mia Champions". Tra passato e futuro, il portiere si racconta
Le previsioni meteo per il weekend