Prima squadra

Pasquetta a Carpi: il Pescara cerca punti pesanti

Ma per i padroni di casa è (quasi) l'ultima spiaggia...

22.04.2019 00:52

Chi avrà (in ritardo) una bella sorpresa nell'Uovo di Pasqua? Lunedì di Pasquetta con la Serie BKT protagonista in tutta Italia per la 34a giornata di Campionato. Anticipo di lusso quello delle 15 tra Hellas Verona e Benevento seguito poi dal match della capolista Brescia alle 18. Sfida d’alta quota invece alle 21 con il Perugia che riceve il Lecce mentre per il Palermo sarà impegnato nel testacoda contro il Padova. Vero e proprio spareggio per la salvezza quello dello Zaccheria tra Foggia e Livorno. Potrebbe tornare in corsa per i playoff la Cremonese, di scena a Cittadella con l’obiettivo di accorciare le distanze dall’ottavo posto, stesso obiettivo del Cosenza contro lo Spezia. Completa il quadro Ascoli-Venezia.

Ciò che più ci interessa, però, è la sfida in programma al Cabassi tra il Carpi ed il Pescara. I biancazzurri vogliono chiudere un periodo con troppi alti e bassi /dal 3 marzo una sola vittoria, anche se di prestigio e valore, quella contro il Palermo) e blindare la propria presenza agli spareggi promozione che si preannunciano, quest'anno più che mai, come incerta appendice alla regular season. I numeri recenti del Delfino sono chiari: 5 punti nelle ultime 6 gare, con 12 gol subiti (2 in media a partita) e solo 7 fatti (1,16 a match) che hanno relegato, tra le prime 5 in classifica, il Pescara ad essere la squadra che subisce più reti (43) e ne segna meno (45). I biancazzurri vivono ancora principlamente dell'onda lunga di una positiva prima metà di torneo, ma è in primavera che si vincono i campionati. I punti conquistati (o persi) in questo periodo valgono doppio, anche se non scaturiscono da scontri diretti come quello di stasera al cospetto di un Carpi che tenterà l’impresa contro l'ex Pillon per tornare a credere nella permanenza in B. I padroni di casa sono praticamente all'ultima spiaggia, perdere (o forse anche solo pareggiare) stasera significherebbe quasi certamente salutare le residue speranze salvezza. Giocheranno dunque con il coltello tra i denti ed il sangue agli occhi, esattamente come vorrebbe Pillon per il suo Pescara ancora in emergenza (centrocampo e difesa numericamente ridotti ai minimi termini). 

Carpi-Pescara è storicamente una gara senza mezze misure: nei 3 precedenti in Emilia 1 successo biancorosso e 2 abruzzesi. Anche allargando i dati alle gare disputate a Pescara – 5 – il pareggio non è mai uscito con bilancio globale di 3 vittorie emiliane e 5 biancazzurre. Stasera chi ritoccherà in meglio le proprie statistiche?

 

Foto: Il Centro

Commenti

Quando Pillon e Memushaj erano dall'altra parte: Carpi-Pescara story
Calciomercato.com: "La Procura Federale indaga sulla cessione di Machin al Parma"