Prima squadra

Tre punti contro il Padova per spiccare il volo

Momento chiave: striscioni dei tifosi in città "Riempiamo l'Adriatico"

23.02.2019 00:21

Il momento chiave, probabilmente, è arrivato. Tre gare in otto giorno per spiccare il volo ed andare in orbita. Dopo la vittoria esterna di Crotone, il Pescara affronta oggi il Padova tra le mura amiche dello stadio Adriatico - Cornacchia con il chiaro obiettivo di mettere in cassaforte tre punti pesantissimi prima dell'infrasettimanale contro il Benevento, sfida clou del prossimo turno. 

Battere oggi i veneti avrebbe una grande valenza per la classifica ed il morale, inutile negarlo. Nei giorni scorsi anche la tifoseria ha capito che questo è il momento spartiacque e in città sono apparsi diversi striscioni: "Riempiamo l'Adriatico", l'invito. Pillon, che mantiene i piedi ben saldi per terra (parla di obiettivo playoff dopo aver centrato l'aritmetica salvezza, a differenza di Sebastiani che ha parlato anche di A diretta), ha detto che la tifoseria può essere realmente il dodicesimo uomo in campo. E dovrà essere così, al cospetto di un Padova che verrà abbonottonatissimo all'Adriatico: prima non prenderle, poi semmai darle. Servirà dunque una bella dose di pazienza da abbinare al raziocinio di interpretare la gara senza frenesie. Anche perchè le statistiche parlano chiaro: in Pescara–Padova saranno di fronte una delle due squadre della Serie BKT 2018/19 che guadagna più punti nelle riprese rispetto ai risultati nel primo tempo (+11 i biancazzurri, come il Palermo) e quella che ne perde di più (-12 i biancoscudati).

Per Pillon, parecchi dubbi in difesa: con Balzano e Del grosso out, chi ricoprirà il ruolo di terzino è un dilemma e molto dipenderà dalla presenza o meno dell'acciato Campagnaro. Con l'argenito abile ed arruolabile, la scelta è fatta con Gravillon a destra e Ciofani a sinistra; con Hugo The Wall fuori, ecco regolarmente Ciofani e Gravillon al loro posto con Perrotta terzino sinistro. Appaiono infatti poche le possibilità di vedere dal 1' il nuovo acquisto Pinto, reduce da svariati mesi in naftalina. 

Per Pillon è una gara del cuore (è stato prima giocatore e poi allenatore del PAdova), ma niente sconti: troppo importanti i tre punti per pensare al romanticismo.....

Commenti

Il Pescara di Galeone, storie di provincia
Riecco il Carnevale di Francavilla