Prima squadra

Aspettando l'accelerata sul mercato...

Dopo Ferragosto Zauri attende i correttivi alla rosa

14.08.2019 00:02

"Forza viola! Adesso testa alla nuova stagione": così Riccardo Sottil su Instagram sembra porre fine ad ogni ipotesi di addio al club di Commisso e Montella. Il Pescara ha capito da tempo che riportare il figlio d'arte in riva all'Adriatico sarebbe stato difficilissimo e, pur mantenedo una porticina aperta, ha iniziato da giorni a guardarsi intorno per consegnare a Zauri l'esterno alto mancino che richiede.

Due le ipotesi principali: Di Gaudio e Matos, ambedue difficili per questioni economiche (l'alto ingaggio percepito dai giocatori, che "imporrebbe" al club di appartenenza di partecipare alla corresponsione degli emolumenti) e di formula (il Pescara punta ad un prestito con diritto di riscatto o obbligo in caso di promozione, le società cedenti vorrebbero un trasferimento a titolo definitivo). C'è anche l'idea Baraye, più fattibile in virtù degli ottimi rapporti intrattenuti col Parma ma comunque al momento troppo onerosa con particolare riferimento all'ingaggio percepito dal giocatore, che non sembra voler fare sconti.

Resistono le piste Stoian e Pasquato, ambedue svincolati: sono le classiche opzioni paracadute, azionabili in extremis se le piste prioritarie dovessero sfumare. Potrebbero dunque essere le soluzioni last minute per completare la rosa. 

In mediana serve una mezz'ala di struttura: il Pescara si guarda intorno, c'è Segre tra i papabili ma gli uomini mercato biancazzurri vogliono vagliare prima altre opportunità. Su Kastanos ci sono 3 glub (Juve Stabia, Salernitana e Saragozza) ma il Pescara c'è e da ambienti vicini alla società di Sebastiani si respira un contenuto ottimismo circa sviluppi positivi. Per la difesa, Dermaku - Gabbia il ballottaggio. Rappresentano profili diversi (uno più esperto, l'altro una scommessa) e non escludono l'innesto di un terzino con Tripaldelli che continua a piacere. E molto. 

Commenti

Verso Empoli-Pescara di Coppa Italia
Pedullà: "Fatta per Elizalde al Catanzaro"