Prima squadra

L'identikit di Matteo Brunori Sandri

Lo svelano due addetti ai lavori a Il Centro

03.08.2019 08:50

Matteo Brunori Sandri è stato, in ordine di tempo, l'ultimo arrivo in casa Pescara, sbarcato in riva all'Adriatico a margine dell'affare Brugman col Parma. Reduce da una prolifica stagione in maglia Arezzo, è il terzo bomber proveniente dalla C in epoca recente per il Delfino (prima di lui, Lapadula e Mancuso).

Ma chi è Brunori Sandri? Ha provato a spiegarlo Il Centro ieri in edicola, proponendo un interessante pezzo con l'opinione di due addetti ai lavori. Ecco cosa di interessante ha evidenziato il quotidiano abruzzese:

"Nel 2011, alla tenera età di sedici anni, debuttò in Prima divisione (la vecchia terza serie) con la maglia del Foligno. Merito di Giovanni Pagliari, vecchia conoscenza degli sportivi abruzzesi, che guidava gli umbri e dopo aver notato le sue potenzialità lo fece esordire tra i professionisti. Il tecnico marchigiano, ex attaccante del Chieti che in passato ha allenato L’Aquila e la Rosetana, lo gettò nella mischia anche nello spareggio per non retrocedere in Seconda divisione contro la Ternana. «Vidi all’opera Brunori nelle giovanili e notai subito le sue grandi qualità», racconta Pagliari, «allora decisi di concedergli qualche occasione. Quando sfidammo la Ternana ai play out allo stadio Liberati, da un suo cross scaturì il gol del pareggio di La Mantia che decretò la nostra salvezza». Nel corso degli anni Pagliari e Brunori non si sono persi di vista. «Ci siamo sentiti anche durante la scorsa stagione. Ad Arezzo Matteo ha segnato tanto fornendo quasi sempre ottime prestazioni. Ha tutte le carte in regola per fare una bella figura con il Pescara. Non vedo grandi differenze a livello qualitativo tra la B e la C. Possiede buone doti tecniche, è veloce e ha un tiro potentissimo. Insomma, in area può fare male in qualsiasi momento». Nel Foligno di Pagliari e Brunori militava Daniele Gregori, attuale vice allenatore del Milan Primavera ed ex difensore del Pescara (69 presenze tra il 1999 e il 2001). Gregori spende parole al miele nei riguardi del suo ex compagno di squadra. «A me Brunori piace tantissimo. Ha tecnica, forza fisica e negli ultimi venti metri è devastante. L’anno scorso è maturato molto, ora è consapevole delle sue qualità, sa di essere forte. A volte può sembrare indolente, ma non lo è affatto. Al contrario, è un ragazzo con tanta fame. Sono sicuro che non avrà difficoltà di ambientamento in B con il Pescara. Questa è la sua grande occasione e non se la farà scappare». Nell'estate del 2018 Brunori torna prepotentemente nel calcio che conta dopo anni di delusioni e false promesse. All’esperienza con il Foligno, seguono le annate sfortunate con Reggina, Reggiana e Pro Patria, poi la ripartenza tra i dilettanti. Nel 2015-16 realizza 19 gol col Petrignano (Eccellenza umbra) e a fine stagione arriva la chiamata del Messina, ma l’avventura in Sicilia dura poco. A fine agosto Brunori rescinde il contratto e torna al Petrignano. «Mi sono ritrovato a casa e mi sono detto: ‘È ora di andare a lavorare’. Così, davo una mano nel relais di famiglia», le parole pronunciate tempo fa al portale Eccellenzacalcio.it dalla punta che nel 2017-18 passa al Villabiagio segnando di nuovo valanghe di reti (23). L’exploit in serie D gli vale la chiamata del Parma che gli fa firmare un contratto di tre anni e lo gira in prestito all’Arezzo. «Adesso voglio giocarmela fino in fondo con una maturità diversa, prima facevo un po' il fenomeno. Tornare a casa, ripartire da zero mi è servito per capire che stavo sbagliando tutto». Il resto è storia recente con l’ottimo torneo ad Arezzo in attacco in coppia con un altro ex pescarese, Aniello Cutolo".

Commenti

Dal gol in A con la maglia del Pescara al Chieti: vi ricordate di Marco Vittiglio?
Abbonamenti: abbondantemente superata quota 2.000