Prima squadra

L'obiettivo è rialzare subito la testa

Le premesse di Pescara-Pordenone

01.09.2019 00:47

Oggi il mercato può aspettare, domani sarà il giorno chiave. Il Pescara cerca ancora due rinforzi, ma oggi torna in campo per le seconda giornata di campionato e non può concedersi distrazioni. Bisogna rialzare immediatamente la testa dopo i tre ceffoni incassati a Salerno, l'obiettivo è chiaro: vincere. Siamo solo ad inizio torneo, ma perdere ulteriore terreno più che per la classifica potrebbe essere deleterio per l'umore dell'ambiente, che di certo non ha grande entusiasmo come confermato dai dati della campagna abbonamenti

Memushaj (che tocca oggi le 150 gare in biancazzurro) e soci puntano dunque al bottino pieno, contro un avversario ostico che ha già fatto vedere di che pasta è fatto. Il Pordenone di Tesser ha la carica della recente promozione come motore ed il turbo dato dalla convincente vittoria centrata contro il Frosinone: ha la spensieratezza giusta per provare a tirare un brutto scherzetto al Pescara, ma anche la solidità per non essere ritenuta semplicemente una meteora. Anche per i Ramarri la gara di oggi è importante, insomma. 

Sul fronte formazioni, mister Zauri cambiera più di un interprete rispetto alla gara di Salerno. Palmiero torna in regia, con Bruno che si accomoda in panchina, mentre in difesa e in attacco potrebbero esserci Zappa e Di grazia per dare vivacità e freschezza in luogo di Balzano e Brunori. Nel cuore della difesa ci sarà la coppia di senatori Campagnaro-Scognamiglio, stante le non perfette condizioni di Bettella. Anche in casa Pordenone ci sarà qualche cambio rispetto al precedente turno, ma difficilmente troverà spazio dall'inizio Monachello, ex dal dente avvelenato.

Esistono 2 precedenti ufficiali in terra abruzzese tra le due squadre, sempre in Coppa Italia: vittoria biancazzurra per 1-0 nell’edizione 2013/14, 2-2 al 120’ con vittoria del Pescara ai rigori per 4-3 nell’edizione 2018/19. 

Calcio d'inizio alle ore 18, dirige Giovanni Ayroldi di Molfetta

Commenti

Ufficialmente chiusa la campagna abbonamenti: ecco il dato
Caccia all'esterno: c'è anche Brignola sul taccuino biancazzurro