Prima squadra

Lutto in casa Pescara. Ci lascia un uomo che ha fatto la storia

Ci lascia Antonio Valentin Angelillo

07.01.2018 07:50

Un altro grave lutto dopo quello di Daniele Becci, che il club biancazzurro ha ricordato con una nota sul proprio sito ufficiale. Il Pescara piange infatti anche Antonio Valentin Angelillo, tecnico di una promozione in A del Delfino. «Non posso dimenticarla. E’ passato tanto tempo ma è rimasta nel mio cuore e, penso, anche in quello dei tanti sportivi pescaresi che ci seguirono in massa nello spareggio di Bologna. Proprio loro ci diedero la carica giusta per vincere, anche perchè non so se ci avrebbero fatto tornare a casa in caso di sconfitta. Eravamo in ritiro qualche ora prima dell’incontro, quando vedemmo dalle nostre camere d’albergo una massa di gente vestita di biancazzurro e, guardandoci negli occhi, capimmo che non potevamo tradirli». Lei non era in panchina nella gara decisiva con il Monza. Ero squalificato per colpa di un’espulsione subita a San Benedetto del Tronto. Mi diedero tre giornate e così andai in tribuna in mezzo alla gente mentre Saul Malatrasi era al mio posto. In campo c’erano persone come Repetto, Nobili e Zucchini che sapevano già cosa fare. A Pescara ho tanti amici e ricordo con affetto chi lavorava dietro le quinte, come l’accompagnatore degli arbitri Vittorio Azzarà che è ancora in attività», raccontò 30 anni dopo l'exploit il grande Angelillo a Il Centro. 

È morto in ospedale a Siena, già attaccante di Inter, Roma e Milan, e primatista di reti segnate in un campionato di serie A a 18 squadre, con 33 gol. Il decesso è avvenuto venerdì scorso, 5 gennaio, ma la notizia era stata tenuta nascosta per volere della famiglia. L'ex fuoriclasse era arrivato al pronto soccorso del policlinico "Le Scotte" di Siena il 3 gennaio ed era rimasto ricoverato nella struttura, come si apprende dalla Gazzetta. Aveva 80 anni

Commenti

Amichevole Teramo - Pescara Primavera
Coppia di Montesilvano "sbanca" il programma di Gerry Scotti su Canale5